Utente 428XXX
Buonasera a tutti!
Da circa un anno e mezzo soffro di forti dolori cronici alla zona cervicale e mi tormentano tutti i giorni, tutto il giorno.in relazione ai questi dolori al collo il mio ortopedico si è espresso dicendo che ho "il dorso piatto" e che "devo stare rilassata" perchè il dolore dipende da contratture muscolari dovute a un difetto posturale e a stress.Dato che i dolori non si placavano ed erano anche accompagnati da scosse ad anulare e mignolo di entrambe le braccia (più a sx) -che suppongo dipendano da una compressione del nervo ulnare-, da senso di ottundimento, pesantezza al collo, trapezi contratti e dolori alle braccia, poichè l'ortopedico non ha ritenuto necessario fare alcun tipo di esame diagnostico, ho fatto di testa mia e ad agosto ho eseguito una RX al rachide cervicale che ha evidenziato una verticalizzazione della colonna cervicale ed un atteggiamento scoliotico a livello cervico-dorsale e nient'altro.
Mostro le immagini al mio ortopedico che imputa a questa verticalizzazione tutti i miei disturbi sopra descritti e mi dice che quando sto male posso prendere una tachipirina e che posso fare dei massaggi decontratturanti.
Io ho quindi sopportato il dolore, aiutandomi talvolta con il voltaren pomata quando proprio stavo male,finchè due settimane fa (fine ottobre) non noto un nuovo sintomo che desta in me nuove preoccupazioni ed è proprio in relazione a ciò che mi rivolgo a voi.
Al lato sinistro del collo principalmente (che è il lato più contratto o dove comunque avverto più dolore a livello di collo,trapezi e spalla) avverto la presenza di un liquido (?!?) se tocco senza premere troppo la superficie laterale del collo stesso e alla base della nuca lato sx , ma anche al centro, che fa "rumore" sotto le dita come se si spostasse, non ha una forma (per intenderci non è un qualcosa di sferico, almeno per quello che riesco a sentire al tatto). Cerco di spiegarmi meglio: la sensazione è quella del versamento tipico di quando ci si rompe un legamento (come quando lesionai il legamento collaterale del ginocchio). il fatto che non riesco sempre ad avvertire la presenza di questo liquido tastandomi, mi fa pensare che sia una quantità esigua e lo avverto soprattutto la sera e al risveglio, inoltre, non so se può aiutare o confondere ancor di più, il "rumore" che fa sotto le dita non è udibile all'esterno e mi ricorda lo stesso "rumore interno" che faceva il tendine di achille quando ebbi una tendinite.Questo "liquido" non lo avverto quando contraggo i muscoli del collo (infatti non lo avverto in palestra), è avvertibile solo al tatto e non se faccio troppa pressione sulla zona e non appare come un gonfiore. Cosa può essere?
So che è un sintomo strano e sono stata dal curante che in relazione ai miei dolori che mi ha suggerito di indagare meglio la scoliosi e quindi di fare una RX di tutta la colonna vertebrale.non sono un medico ma non sarebbe più appropriata una RMN di modo da vedere anche i tessuti molli?
Cosa ne pensate? Grazie
[#1] dopo  
Prof. Alessandro Caruso
40% attività
16% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile sig. na
Lei non è un medico, ma noto che scrive cose corrette come se lo fosse.
Certo che la Rm è l'esame migliore rispetto alla radiografia in totto del rachide per valutare qualche patologia ai tessuti molli della colonna vertebrale, ma ogni accertamento va prescritto dallo Specialista e deve essere mirato e plausibile clinicamente .
La eventuale scoliosi che lei ha non c'entra nulla con i dolori cervicali, legati verosimilmente alla verticalizzazione del rachide cervicale con risentimento dei muscoli nucali, come avviene di frequente nella classica " sindrome cervicale" in soggetti giovani, con una verticalizzazione del distretto cervicale.
Si rivolga ad uno specialista ortopedico, si faccia visitare ben bene e poi farà gli accertamenti che lo stesso reputa opportuni.
Un ciclo di fisiochinesiterapia ben eseguita, in maniera completa, le rsiolverebbe tale cervicalgia e contrattura nucale.

Cordiali saluti
alessandrocaruso26@gmail.com
[#2] dopo  
Utente 428XXX

Iscritto dal 2016
Gentilissimo Dottor Caruso,
purtroppo sono abbastanza informata nel campo medico tra ipocondrie e semplice curiosità.
Quanto ai miei disturbi seguirò il suo consiglio di farmi visitare nuovamente dall'ortopedico, ma lei cosa pensa di questa sensazione di liquido/rumore interno che ho da circa due settimane? ha idea di cosa possa essere?

Le do ulteriori dettagli sperando possa aiutarla nell'analisi del mio problema
- ho fatto ginnastica artistica per 10anni e a detta del mio ortopedico le posizioni innaturali che assumevo con questo sport sono anch'esse responsabili dei miei disturbi
- se cammino o sto in piedi tutto il giorno mi viene mal di schiena nella zona lombare (non so se è normale o può essere collegato ai disturbi cervicali e di scoliosi)
- sto parecchio al pc e a scrivania, ma faccio regolarmente palestra e dedico parecchia attenzione allo stretching e al riscaldamento proprio per evitare problemi
- al risveglio sono "tutta incriccata" (mi perdoni il linguaggio) e se inspiro forte a bocca aperta al risveglio mi fa malissimo la schiena zona dorsale ed in più scrocchio talvolta in zona cervico-dorsale anche solo inspirando


Aspetto sue,
Grazie
[#3] dopo  
Prof. Alessandro Caruso
40% attività
16% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile sig. na, oltre le notizia e i dettagli( dette << anamnesi >> nel campoi medico) la cosa decisiva e più determinante, importante è l'esdame clinico obiettivo; tutto si puo' pensare ed intuire, IPOTETICAMENTE, ma vale NULLA!
Conta solamente l'esame clinico obiettivo, la valutazione di un consulto specialistico effettivo.
Bisogna esaminare le sue radiografie, gli artti superiori ed inferiori, esaminare se vi sono deficit neurologici periferici, controllare se vi sono discopatie o uncopatie, ecc.ecc.
Tantissime pazienti sopratutto donne giovanissime come lei, accusano disturbi simili ai suoi; nulla di partiocolare mi creda!!!
ma vanno curati bene, è la qualità di vita che ne risente ovviamente!!
Poi bisogna programmare una completa e valida fisiochinesiterapia attiva e passiva, terapia fisica con presidi adatti e specifici al caso suo, se occorre fare manipolazioni vertebrali, mobilizzazioni ecc.ecc che le farebbero senz'altro bene e la farebbero stare molto meglio.

Immagini solo una cosa : se già lei, visitandosi da anni presso tanti medici, non ha risolto il problema, cosa potrebbe risolvere senza che uno specialista veda radiografie o TC o rm e senza valutare la sua persona clinicamente ed obiettivamente ?
E' il suo stato ansioso che la spinge a questo frenetico sapere! Conta nulla sapere, anche se è importantissimo ovvio, senza curarsi bene e con costanza !! Segua i miei consigli iniziali e stia serena.

Cordialmente
alessandrocaruso26@gmail.com
[#4] dopo  
Utente 428XXX

Iscritto dal 2016
Seguirò senz'altro il suo consiglio di rivolgermi nuovamente ad un ortopedico, ma mi sono iscritta a questo sito per essere indirizzata verso strade alternative e avere pareri differenti, dal momento che il mio curante (non so se per superficialità,incompetenza o genialità) mi suggerisce esami diagnostici a caso come la RX del rachide in toto imputando i miei dolori cervicali alla scoliosi,cosa che invece lei ha invece escluso, e dall'altro lato il mio ortopedico che ha ritenuto inutile fare alcun tipo di esame diagnostico o terapia.
il problema dunque è che non mi sento presa sul serio in questo mio disturbo da nessuno dei due: uno mi fa fare nuovamente una RX a caso e l'altro neppure aveva ritenuto necessario fare la RX alla cervicale, che infatti ho fatto di mia sponte, liquidandomi con un "sono contratture muscolari"
io non voglio una diagnosi virtuale,in quanto mi rendo conto che non è possibile nè auspicabile, ma semplicemente vorrei pareri e consigli per risolvere o comunque capire cosa possa essere per poi risolvere,dal momento che mi sento fortemente limitata nello svolgere le mie attività quotidiane ed è davvero frustrante per una 20enne vivere con una perenne sensazione di malessere,pesantezza.mal di testa e senso di ottundimento...
spero in suoi pareri relativamente al "liquido"/"rumore interno"
la terrò comunque aggiornata
grazie
[#5] dopo  
Prof. Alessandro Caruso
40% attività
16% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Lei scrive <<< dal momento che il mio curante (non so se per superficialità,incompetenza o genialità) mi suggerisce esami diagnostici a caso come la RX del rachide in toto imputando i miei dolori cervicali alla scoliosi,cosa che invece lei ha invece escluso, e dall'altro lato il mio ortopedico che ha ritenuto inutile fare alcun tipo di esame diagnostico o terapia. >>>>

Gentile signora un medico curante di base NON E' UNO SPECIALISTA TUTTOLOGO, ONNISCENTE, quindi sarebbe utile ewd opportuno che si rivolgesse a lui inizialmente, ma poi persistendo un problema, si facesse indirizzare dallo specialista del settore della patologia in questione.

Inoltre le ripeto quanto già detto : la medicina e chirurgia è basata su consulti obiettivi e clinici, su valutazioni diagnostiche visive di immagini specifiche, non solo di riferimenti e dialogo.

Per cui senza un esame approfondito semeiologico e clinico, senza una valutazione obiettiva del paziente, e esaminare alcuna radiografia o altro accertamento iconografico, è impensabile, ostico ed anche illegale formulare qualsiasi corretta e precisa diagnosi.
Nè la medicina e chirurgia si basa su ipotesi o suggestioni o supposizioni, ma solo su certezze diagnostiche che pongono le basi per un valido e sicuro trattamento terapeutico.

Cordialmente
alessandrocaruso26@gmail.com
[#6] dopo  
Utente 428XXX

Iscritto dal 2016
buonasera, scrivo in relazione ad una curiosità: è possibile sentire al tatto, ai lati della colonna cervicale, il materiale di un'ernia?