Utente 428XXX
Salve mi sono appena iscritto al sito per chiedervi un'informazione. Circa un anno e mezzo fa ho fatto un operazione d'uergenza per un incidente che feci rompendo un vetro con la mano destra,sotto e operazione hanno riscontrato tendini spezzati, arteria ulnare e nervo ulnare lesionati Ho avuto per circa un mese metà gesso fasciato, ho cominciato fisioterapia e elettrostimolazione per il nervo, anche l'uso di un tutore per i flessori. Tutto questo circa 6 mesi finché i tendini si sono ripresi del tutto ed ho riacquistato tutta la sensibilità, poi finita la fisioterapia e parlando con dottori mi hanno consigliato di poter continuare l'elettrostimolazione e poter anche abbandonare la fisioterapia dato che ho riacquistato tutti i movimenti dei flessori a parte i movimenti del 4 e 5 dito dato alla lesione del nervo dove mi hanno detto che ci vorrà anche qualche anno per riacquistare tutto. In questo anno comunque ho fatto diverse visite in diversi studi portando elettromiografia e risonanza magnetica spiegando anche che ho e ho ancora oggi dolore solo nel momento quando si tocca anche appoggiando un solo dito il polso più o meno all'altezza del tunnel carpale,solo sfiorando la cicatrice mi fa male forte. Alcuni dottori mi hanno detto di lasciare tutto così e far fare il corso del tempo alcuni invece,vogliono aprire la mano per vedere se c'è aderenza lungo la cicatrice. Ora non so veramente cosa fare se andare sotto operazione per vedere se davvero l'aderenZa oppure no, perché o paura in caso ad esempio si va ad aggrave la situazione bloccando la crescita del nervo per la lesione o addirittura facendo morire definitivamente il nervo. Chiedo un vostro consiglio perché non so veramente cosa fare attendo le vostre risposte.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

non avrei dubbi circa la presenza di aderenze cicatriziali a livello del nervo ulnare: in caso contrario, non avrebbe il Tinel così positivo con le algo-parestesie provocate addirittura con il semplice sfioramento a livello della cicatrice (in genere, il segno di Tinel è + alla percussione locale).

Quindi, un problema al nervo c'è; non si tratta di "aprire" semplicemente per "dare un'occhiata". Secondo me le aderenze (come minimo) esistono e sono clinicamente evidenti.

La vera domanda è un'altra: il disturbo attuale (dopo uhn anno, è impensabile che possa migliorare) è tale da giustificare un ulteriore intervento?

Inoltre: oltre alle algo-parestesie, esistono altri deficit sensitivi e/o motori (muscoli intrinseci) riconducibili al nervo ulnare?

Buona giornata.