cisti  
 
Utente 299XXX
Buonasera,
Sono un ragazzo di 21 anni, studente universitario di medicina.
La settimana scorsa ho cominciato a notare perdite ematiche maleodoranti, miste a sostanza caseosa, dalla zona sacrococcigea, che sporcavano la biancheria intima, senza segni particolari di dolore, flogosi generalizzata o malessere, solo lieve fastidio nella zona interessata. Inoltre queste perdite cominciavano a farsi più frequenti. Così sono andato dal medico di medicina generale che mi ha prescritto ecografia delle parti molli al sacro e visita chirurgica generale, che ho già eseguito. Il chirurgo mi ha diagnosticato una cisti pilonidale con flogosi ancora non guarita, e ha consigliato l'exeresi radicale della cisti fra cinque mesi, proprio per la presenza della flogosi. Ha consigliato per ora di fare medicazioni della zona, anche presso ambulatorio chirurgico.
Il quesito che volevo porvi è: queste medicazioni ogni quanto andrebbero cambiate? Sono normali medicazioni, che prevedono detersione della ferita e disinfezione con betadine? Inoltre, non potrei farle per conto mio? O dovrei per forza andare in ambulatorio chirurgico?... il problema è proprio dovuto al fatto che studio fuori regione, e avrei un po' di difficoltà a raggiungere l'ambulatorio della città dove studio, poiché è aperto solo in orario di lezione.
Inoltre vorrei chiedere se, eventualmente, dopo l'intervento, potrei riprendere le normali attività di studio entro poco tempo.


Resto a disposizione per eventuali chiarimenti.


Nel ringraziarvi per la disponibilità, porgo distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe D'Oriano
36% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
La medicazione, in una zona dove è presente una suppurazione, andrebbe cambiata almeno una volta al giorno.
Con le opportune indicazioni potrebbe praticarle anche a domicilio, per la particolare sede(regione sacro-coccigea), forse, diventa un pò difficile eseguirla da solo.
Per i tempi di recupero bisogna aspettare la completa cicatrizzazione , questa avviene non prima di un paio di settimane.
Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 299XXX

Iscritto dal 2013
Innanzitutto La ringrazio per la risposta.
In effetti il medico non mi ha specificato il tipo di medicazione e la frequenza di cambio. Mi ha solo prescritto una impegnativa per "medicazione di ferita (chirurgia)".

Ma in genere, quale potrebbe essere la "classica" medicazione? L'applicazione di una garza sterile per l'assorbimento dell'essudato?
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe D'Oriano
36% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Irrigazione con disinfettanti della ferita, come le hanno indicato, detersione e bendaggio occlusivo.
[#4] dopo  
Utente 299XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per la risposta e la disponibilità... un'ultima domanda: è possibile praticare sport, anche leggero, ora? O c'è il rischio che si approfondisca la lesione ed eventualmente peggiori? Inoltre, sarà possibile praticarlo dopo l'operazione? Di solito faccio, saltuariamente, ciclismo su strada, ma volevo iniziare con un po' di jogging, durante la stagione invernale.
[#5] dopo  
Dr. Giuseppe D'Oriano
36% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Si, se non ha grossi fastidi.
Certo, quando sarà completamente gurito.
Adesso nessun ciclismo.
Cordiali saluti.