Utente 895XXX
salve,
ho fatto una ricerca circa il mio problema ma non ho trovato nulla di simile (o quanto meno solo un consulto ma non mi ha chiarito le idee).
Ho 24 anni però sono attivo sessualmente solo da due mesi (tranne una breve parentesi di un mesetto circa cinque anni fà). Ho rapporti completi (felici ed appaganti) con la mia ragazza, e provo orgasmi (a volte più a volte meno forti) e ho erezioni senza problemi. Fino a qua tutto in ordine, tranne che non riesco ad avere orgasmi attraverso la masturbazione (praticata dalla mia lei) e sesso orale. Parlandone con lei, e confrontando la mia sensibilità con quella dei suoi ex, ci siamo accorti che io sono praticamente privo di sensibilità sul glande al punto che se lo schiaccio forte tra le dita (non in erezione) non provo dolore, in compenso se vi poggio del ghiaccio lo sento.
Ho invece molta sensibilità nella parte appena sotto e sul "filo" (mi spiace chiamarlo così ma non sono sicuro che frenulo sia il suo vero nome).
Riassumendo sono semplicemente stato dotato dalla natura di un glande "poco partecipativo" e mi devo mettere l'anima in pace (continuando a divertirmi conscio dei miei limiti) o magari esistono delle creme che mi potrebbero aiutare o ancora conviene che mi faccio vedere da uno specialista?

a margine faccio un ulteriore domanda: è successo due volte in periodi differiti di due/tre settimane (ultimamente) che il glande si ricoprisse di una strana patina biancastra come se si stesse spellando e si arrossasse dove non c'era la patina. La prima volta ero sotto antibiotici presi via flebo e mi è stato detto potesse essere quella la causa, la seconda è passata da sola dopo uno/due giorni. C'è da preoccuparsi?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
53238

Cancellato nel 2012
Caro Utente,
fermo restando che un check andrologico va consigliato,
per quanto posso intuire dalla sua descrizioni non mi sembra che ci siano alterazioni di rilievo è molto improbabile che possa essere presente un disturbo neurologico che determini un danno della sensibilità.

Cordiali saluti
Dott. Giuseppe Maio