Utente 403XXX
Buonasera,
<br />

dopo alcuni mesi in cui per motivi lavorativi ho sempre rimandato, nei giorni scorsi ho effettuato una visita in cui mi è stata diagnosticata una fistola perianale intersfinterica a ore 7 e mi è stata proposta l'operazione. So che l'operazione è l'unico modo per curare una fistola ma mi ha lasciato un po' perplesso il fatto che non è stato richiesto alcun esame di approfondimento (ho letto che è consigliato fare un'ecografia transanale) e soprattutto non mi sono stati dati i dettagli sulla tecnica dell'operazione che si andrà a fare, dicendomi che quando si opera si valuterà il da farsi e, ad esempio, se mettere o no il setone. Ad alcune mie domande in merito all'operazione mi è stato risposto che è una cosa poco invasiva e per nulla dolorosa. Ora capisco perfettamente che si tratta di routine ma mi è parso un modo un po' superficiale di approcciarsi. Anche perchè per organizzarmi con il lavoro dovrei sapere se e quanto devo stare "fermo", se devo fare delle medicazioni e con che cadenza. Forse è colpa mia che non ho insistito nel chiedere ma lì per lì sono rimasto un po' spiazzato...
<br />

Ora vi domando: secondo la vostra esperienza mi sto preoccupando inutilmente? Nel senso che trattandosi di una fistola semplice l'operazione potrebbe essere cosa da poco e senza "strascichi", oppure è meglio chiedere un altro consulto? (per l'operazione sono in lista e ci vorranno 15/20 gg).
<br />


<br />

Grazie in anticipo.
<br />


<br />

Fabrizio

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Nel nostro lavoro di routine non c'e' nulla.
Detto questo quanto proposto e' corretto, l'ecografia e' indicata in casi selezionati. Puo' chiedere ulteriori dettagli se desidera a chi l'ha visitata o un secondo parere . Prego.
[#2] dopo  
Utente 403XXX

Iscritto dal 2016
Buonasera Dott. Favara,
Grazie per la risposta. Penso che seguirò il suo consiglio e chiederò un secondo parere. Approfitto della sua disponibilità per chiederle come mai per una fistola intersfinterica bassa, come quella che dovrei avere io, si è ipotizzato il setone che, se non ho capito male, implica un decorso molto più lungo, in alcuni casi doloroso e pensavo si utilizzasse per casi più complessi.
Inoltre quali potrebbero essere, indicativamente i tempi per tornare alle normali attività con o senza setone?

Grazie per la disponibilità.
Cordiali saluti.
F
[#3] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Dipende dalla situazione locale. Mediamente un mese.Prego