Utente 444XXX
Buongiorno.

Da sempre interessato alla Medicina effetuo ricerche su internet, con "grano salis", quando il tempo me lo permette su diverse patologie.
Sono capitato su questo sito "popolato" da ottimi professionisti e volevo approfittare della Vostra cortesia per porre delle domande sull'IRC,
certamente ispirate dalla lettura di alcuni consulti dove veniva messa in dubbio la sua presenza a seguito di alcune rilevanze relative ad esami di laboratorio.

Considerando un paziente tipo di età avanzata con creatinina attorno a 1,80 - 2,20 ed azoto ureico tra 40-45 con TC addominale riscontrante idronefrosi di grado severo al rene destro ed uretere non dimostrabile nemmeno ai controlli tardivi ai RX e nulla al rene sinistro è sensato parlare di IRC stadio IV quando non è presente iperpotassiemia ed i controlli standard delle urine sono normali?
Da considerare che il paziente tipo non fa uso di diuretici e che assume per ipertensione zofenopril e doxazosina.

Nella speranza che questo mio quesito colga qualche interesse e che possa essere utile a qualche utente resto in fiduciosa attesa di un
Vostro riscontro;
pongo ora i miei anticipati ringraziamenti e Vi porgo i più Cordiali Saluti.
[#1] dopo  
Dr. Giulio Malmusi
24% attività
20% attualità
12% socialità
SPILAMBERTO (MO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2011
I pazienti reali spesso sono diversi da quello che si trova scritto; l'iperpotassiemia è possibile nell'insufficienza renale, ma non obbligatoria; è difficile che venga ai livelli di creatinina che lei ha detto; di solito il problema potassio non sussiste fino allo stadio 5 del danno renale; a meno che non si prendano farmaci che possano ridurre l'eliminazione del potassio, come antialdosteronici e inibitori dell'angiotensina; in questo caso, se una dieta povera di potassio non è in grado di normalizzare il livello nel sangue, si devono ridurre le dosi di questi farmaci.
[#2] dopo  
Utente 444XXX

Iscritto dal 2017
La ringrazio per la cortese e sollecita risposta.