Utente 781XXX
Gentili Medici,
mi rivolgo a Voi confidando come sempre nei Vostri preziosi consigli per chiederVi l'interpretazione dell'ultimo (cioè il terzo) spermiogramma che mio marito ha effettuato allo scopo di chiarire un quadro clinico a detta del Suo andrologo incompleto.
RingraziadoVi anticipatamente porgo
Cordiali saluti.

ESAME CHIMICO FISICO

Aspetto lieve opalescenza
Colore giallo-grigiastro
Liquefazione Incompleta
Viscosità Aumentata
PH 8,4

Esame Quantitativo
Volume 3,5 ml
Concentrazione Spermatozoi 4,5 milioni/ml
Numero totale spermatooi nell'eiaculato 15 milioni
Motilità a 60'
Progressiva rapida+lenta (classe a+b) 20%
rapida (classe a) 5%
lenta (classe b) 15%
Non progressiva in situ (classe c) 8%
Motilità progressiva (a+b) a 120' Invariata
Vitalità 45%
SpermMar IgG latex test (Abs anti-sperma) Non effettuabile

Morfologia
forme normali 5%
anomalie testa 72%
anomalie tratto intermedio 2%
anomalie coda 6%
presenza residui citoplasmatici 4%
anomalie miste (testa+residui citopl.) 11%

Esame microscopico:
Cellule rotonde 38% (V.N. <10%)
(leucociti - immaturi linea germinale - residui citoplasm.) 1,7 milioni/ml
Emazie (a 250X) Rare
Agglutinati Assenti

La presenza di gocce citoplasmatiche, coaguli, detriti, cristalli, cellule epiteliali, grossi aggregati è segnalata.
Quando le "cellule rotonde" sono rappresentate da leucocitie sono
> 1 milione/ml viene altresì segnalato.
AZOOSPERMIA: da esame del sedimento (3000 rpm per 15') su 3 prelievi distanziati di circa 3 mesi.

OSSERVAZIONI: LE CELLULE ROTONDE SONO PREVALENTEMENTE DELLA LINEA GERMINALE, RARI I GRANULOCITI.
SI SEGNALA LA PRESENZA DI CELLULE CON IRREGOLARITA' NUCLEARI IN UN QUADRO DI OLIGOASTENOTERATOZOOPERMIA.



Vi riepilogo di seguito gli esiti degli esami precedenti:

ECOCOLORDOPPLER alle vie seminali:

Didimi bilateralmente in sede scrotale regolare di dimensioni normali (didimo destro di 49x25x26 mm volume stimato 16 ml; didimo sinistro delle dimensioni di 43x26x23 mm volume stimato 13 ml) entrambi ad ecostruttura omogenea normoecogena; in sede parenchimale testicolare destra al III medio si segnalano 2 post di microlitiasi. Epididimi bilateralmente regolari per dimensioni ed ecostruttura.
Normoafflusso arterioso testicolare bilaterale.
Si segnala dilatazione del plesso pampiniforme sinistro (diametro massimo vena in clinostatismo 3.7 mm); all'ecocolordoppler è presente al plesso pampiniforme sinistro reflusso basale continuo a bassa velocità (3,7 cm/sec). Non idrocele.
Prostata normoconformata, delle dimensioni di 36x25x37 mm (volume di 17 cc), con ecopattern moderatamente disomogeneo ad aspetto "marezzato".
Vescicole seminali simmetriche di normali dimensioni (diametro antero-poseriore 10 mm a sinistra e 14 mm a destra) ad ecostruttura finemente disomogenea ipoecoica.
Data la presenza di microlitiasi testicolare destra si suggerisce controllo ecografico periodico.



SECONDO SPERMIOGRAMMA OTTOBRE 08
Età 27 anni
Astinenza 4 gg
Volume 3,5 ml (valore normale da 2 a 6)
Spermatozoi/eiaculato 14 milioni (V.N. >= 40)
Spermatozoi/ml 4 milioni (V.N. >= 20)
Colore grigio opalescente
Viscosità normale
Odore normale
Coagulo SI'
Liquefazione <30'
PH 7.5 (V.N. 7.2 - 8.0)
Emazie assenti
Leucociti assenti (V.N. <= 1 milione)
Cellule epiteliali assenti
Cellule rotonde 0,2 milioni

Valutazione della motilità

Mobilità dopo 60' (a+b+c) 30% (V.N. (a+b)>= 50)
Progressiva rapida (a) 20%
Progressiva lenta (b) 5%
Debole o in situ (c) 5%
Mobilità dopo 120' 20%
Progressiva rapida 10%
Progressiva lenta 5%
Debole o in situ 5%

Morfologia:
Forme normali 35% (V.N. >= 30%)
Forme abnormi 65%
Anomalie della testa 35%
Tratto intermedio 20%
Coda 10%

PRIMO SPERMIOGRAMMA AGOSTO 08:


Età 27 anni
Astinenza 5 gg
Volume 2,5 ml (valore normale da 2 a 6)
Spermatozoi/eiaculato 25 milioni (V.N. >= 40)
Spermatozoi/ml 10 milioni (V.N. >= 20)
Colore grigio opalescente
Viscosità normale
Odore normale
Coagulo SI'
Liquefazione <30'
PH 7.5 (V.N. 7.2 - 8.0)
Emazie assenti
Leucociti assenti (V.N. <= 1 milione)
Cellule epiteliali assenti
Cellule rotonde 0,5 milioni

Valutazione della motilità

Mobilità dopo 60' (a+b+c) 40% (V.N. (a+b)>= 50)
Progressiva rapida (a) 30%
Progressiva lenta (b) 5%
Debole o in situ (c) 5%
Mobilità dopo 120' 30%
Progressiva rapida 20%
Progressiva lenta 5%
Debole o in situ 5%

Morfologia:
Forme normali 40% (V.N. >= 30%)
Forme abnormi 60%
Anomalie della testa 30%
Tratto intermedio 20%
Coda 10%

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,i vari spermiogrammi evidenziano significative deficienze sia nei parametri quantitativi (numero degli spermatozoi) che qualitativi (motilita' e morfologia).Non ci riferisce di esami ormonali indispensbili per una corretta diagnosi e prognosi,ne' di terapie praticate e da quanto tempo cercate figli.
Lo spermiogramma puo' solamente offrire dei dati statistici sul potenziale di fertilita' e,quindi,non porta a nessun chiarimento diagnostico.Cordialita'.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
cara lettrice,

i dati seminali di suo marito confermano l'esistenza di una condizione patologica abbastanza importante che rende poco probabile una fecondazione "naturale"
Lo specialista dovrebbe, sulla base di questi ed altri esami, cercare di capire se esiste un motivo evidente di tale anomala situazione seminale e cercare di modificarla con le terapie disponibili mediche e chirurgiche (?) oppure se pensare di consigliarvi un programma di Procreazione Medicalmente Assistita che potrebbe aiutarvi a risolvere il vostro desiderio di avere un figlio, in maniera non del tutto naturale ma assolutamente valida e positiva
Cari saluti
[#3] dopo  
Utente 781XXX

Iscritto dal 2008
Gentili Medici,

per completezza Vi riepilogo di seguito l'esito degli esami ormonali:

Età 27 anni
Testosterone: 4,5 ng/ml (maschi 20-49 2,7-15)
Testosterone libero:154,5 pg/ml (uomo (50-210)
Prolattina 4,8 ng/ml (2,5-17)
FSH 7,0 IU/L (0,7-11,1)
LH 3,9 IU/L (0,8-7,6)

Tutti gli accertamenti sono iniziati sia per piccoli disturbi di cui si lamentava mio marito (probabilmente dati dal varicocele o almeno così ci è stato detto)sia per il timore che essendo mio marito chimico l'utilizzo di particolari sostanze in laboratorio potesse influire sulla capacita' di riproduzione (riguardo a questa eventualità non abbiamo avuto delle risposte).
I nostri tentativi di avere figli sono iniziati più di un anno fa.

Indipendentemente dalla possibilità di avere dei figli (pur essendo un grande desiderio) in questo momento è prioritaria la salute di mio marito per questo mi piacerebbe capire se questo peggioramento progressivo tra uno spermiogramma e l'altro può essere indice di qualcosa di più serio e patologico.
I medici che abbiamo consultato sembrano escludere una possibile correlazione con il varicocele pertanto al momento non ci hanno consigliato l'intervento.

Per quanto concerne invece l'ecocolordoppler alle vie seminali ci hanno parlato di infiammazione alla prostata, varicocele di II grado e microlitiasi che molto probabilmente non sono tumorali.

Le sostanze chimiche con cui mio marito lavora quotidianamente sono tossiche, cancerogene, nocive, corrosive e irritanti...
Riporto di seguito alcuni esempi:

- Nitrito di sodio
- Cromato e Bicromato di potassio
- Tiocianato di Mercurio
- Nesler
- Cloruro Metilene
- Rifiuti di vario genere con diverse etichettature di classe di pericolo (a volte sconosciuta).

Esistono degli altri accertamenti che sarebe opportuno prendere in considerazione?

Mi scuso per essermi dilungata, ma ho ercato di fornirVi più elementi di valutazione possibili.


Vi ringrazio di cuore per il Vostro aiuto e la Vostra disponibilità!
I migliori saluti.
[#4] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Cara Utente,solo degli esami tossicologici,in prima istanza ematici ed urinari e poi,eventualmente sul liquido seminale,possono dirimere i quesiti posti.Da non chirurgo,posso concordare su una strategia attendistica riguardo la correzione del varicocele ma non sottovaluterei l'influenza che tale patologia puo' avere sulla sermatogenesi.Gli spermiogrammi non evidenziano un peggioramento progressivo,bensi' i valori esprimono la fisiologica variabilita' che caratterizza particolarmente i parametri quantitativi (numero degli spermatozoi).Mi domando perche' non iniziare una terapia farmacologica...
Cordialita'.


[#5] dopo  
Utente 781XXX

Iscritto dal 2008
Gentili Medici,
Vi disturbo nuovamente a distanza di tempo perchè dopo aver ricevuto i Vostri preziosi consigli mio marito si è rivolto nuovamente all'andrologo il quale gli ha consigliato di sottoporsi all'intervento di varicocele. L'intervento è stato effettuato a gennaio 09 e a distanza di 6 mesi mio marito ha ripetuto lo spermiogramma come richiesto il cui risultato è il seguente:

Volume: 2,5 ml
PH: 7
Colore: grigio chiaro
Coagulo: presente
Viscosità: normale
Liquefazione: dopo 15'
Odore: normale
Batteri: +
numero spermatozoi per eiaculato: 30 milioni
numero spermatozoi per ml: 12 milioni
agglutinati < 10%
cellule rotonde per ml: 600.000
emazie: assenti
leucociti: rari
cellule epiteliali: rare
Trichomonas: assente

MOTILITA':

dopo 60 m'%

motilità progressiva rettilinea (a): 0
motilità progressiva lenta (b): 22
motilità in situ (c): 5

dopo 120 m'%

motilità progressiva rettilinea (a): 0
motilità progressiva lenta (b): 15
motilità in situ (c): 5

MORFOLOGIA:

forme normali %: 6
forme abnormi %: 94
anomalie testa%: 72
anomalie tratto intermedio %: 20
anomalie coda %: 2

Totale spermatozoi mobilità progressiva ml: 2.640.000
Totale spermatozoi motilità progressiva per eiaculato: 6.600.000

Swelling test%: 70
Eosin test%: 75


Discreta oligospermia, discreta astenospermia, marcata teratospermia.





A quanto pare l'intervento chirurgico non ha migliorato la situazione...a questo punto vorrei sapere se esiste il rischio che le forme normali peggiorino ulteriormente fino ad azzerarsi (l'anno scorso erano il 40% ora sono il 6%).
Immagino che le possibilità di fecondazione naturale siano remote, quindi se dovessimo prendere in considerazione l'ipotesi di fecondazione assistita pensate sia una scelta da effettuare in tempi rapidi onde evitare peggioramenti oppure da valutare tranquillamente nel tempo?
Con uno spermiogramma di questo tipo quale sarebbe eventualmente il primo tentativo di fecondazione assistita da prendere in considerazione? (i miei parametri ormonali ecc. sono tutti nella norma)

Spero di essere stata chiara!
Vi ringrazio come sempre per la Vostra disponibilità ed il Vostro aiuto.
Cordiali saluti!
[#6] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non faccia la corsa su numeri e percentuali ma,considerato il particolare quadro di Suo marito,legato,probabilmente ,anche al tipo di lavoro,attenda il canonico anno di attesa per valutare gli esiti della varicocelectomia sulla spermatogenesi.Solo allora l'andrologo di riferimento potrà esprimersi sulla opportunità di una fecondazione assistita (altrimenti che senso ha avuto operare il varicocele?).Cordialità.
[#7] dopo  
Utente 781XXX

Iscritto dal 2008
Gentili medici,

Vi disturbo nuovamente perchè sono trascorsi ormai 2 anni dall'intervento al varicocele di mio marito ed il risultato dello spermiogramma è il seguente:

Coagulazione: Presente
Viscosità: Aumentata
Filanza mm:
Liquefazione: Completa
Volume ml: 2,6
PH: 7,6

Valutazione microscopica

N. Spermatozoi 24 milioni
n. Spermatozoi totali 62 milioni

Mobilità: 25% Progressiva (P+NP)
21% Progressiva P
4% NON Progressiva NP

Morfologia: Forme normali
2% Forme Parafisiologiche
98% Forme anomale

Agglutinazioni: Assenti
Cellule rotonde: Assenti
MarTest: Negativo

Parametri seminali dopo trattamento:
Metodica utilizzata swim-up
volume utilizzato 1 ml
N. Spermatozoi isolati 2 milioni
Mobilità P% 100

Note: All'esame morfologico evidenziati numerosi spz privi di acrosoma o con scarso acrosoma.


Sulla base di questo risultato vorrei sapere se nel tempo la morfologia potrebbe migliorare (o peggiorare) o è già trascorso un tempo sufficiente dall'intervento (2 anni) per vedere ulteriori miglioramenti.
Per completezza di informazione aggiungo che l'ecografia di controllo ha confermato il buon esito dell'intervento e la totale assenza di varicocele.

Immagino che in assenza di forme normali una fecondazione naturale sia praticamente impossibile nonostante io abbia tutti gli esami nella norma. Spero di essere smentita.


Vi ringrazio di cuore per l'aiuto!