Utente 351XXX
Gent.mi Dottori buonasera, vorrei chiederVi quale potrebbe essere il motivo di avere gambe molto fiacche tali al punto da impormi una camminata insicura quasi come se non governassi le gambe in aggiunta sento di avere una certa confusione mentale con una fiacca generale molto forte (credetemi che è veramente molto accentuata, non esagero per niente) con questo caldo ed anche umido. Tengo a precisare che non è un calo di pressione come potrebbe far pensare in quanto la pressione che mi sono provata è sempre la stessa, quindi non capisco quale sia il problema scatenante questa sintomatologia che lamento e che mi succede da alcuni anni orsono. In attesa di riscontro porgo i migliori saluti
[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve,
mi scusi, gentile utente, le dispiacerebbe riportare i valori della sua pressione arteriosa?
Aggiorni il consulto se vuole.
Saluti cordiali,
Dott. Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 351XXX

Iscritto dal 2014
Buongiorno , gent.mo Dott. Caldarola La ringrazio per la Sua sollecita attenzione, Le preciso che ho 63 anni non ho mai avuto problemi di salute e come mi ha chiesto Le comunico che la mia pressione arteriosa come sempre da anni indipendentemente dalla stagione è sempre più o meno 70-120 , forse è vero che è tendenzialmente bassa, ma è sempre stata questa anche quando non percepivo questi sintomi della fiacca nelle gambe, quindi non riesco a darmi pace di una cosa così che mi fa stare male, pensi che a volte sembra di non poter governare le gambe e mi impone di stare seduto. Ovviamente mi sono rivolto al mio medico ma non ho ricevuto alcun consiglio utile pertanto vorrei saper se mi devo rivolgere a qualche specialista o sottopormi a qualche esame particolare, lo farei volentieri. Attendo Suo cortese riscontro e la saluto cordialmente
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
il suo problema mi sembra di pertinenza neurologica.
Perciò non esiti, anche per sua tranquillità, ad andare a visita da un Neurologo preparato che le potrà fare diagnosi clinica o suggerirle eventuali esami strumentali.
Se vorrà farci sapere, ne saremo lieti.
Buona domenica,
Dott. Caldarola.