Utente 504XXX
Salve e grazie in anticipo dell attenzione.
Ho scritto poco tempo fa riguardo a un "disturbo" consistente in un' eccessiva pulsatività dell aorta addominale, intesa come percezione costante durante il giorno del battito in zona addominale con pulsazioni piuttosto forti. situazione accentuata dopo sforzi (poichè collegata direttamente al battito cardiaco) o, avevo notato e tuttora è così, dopo i pasti, particolarmente intensa di notte se mangio prima di andare a dormire (cosa che infatti ho smesso di fare). ho svolto ecografia addominale completa, che oltre ai vari organi (tutti a posto) non ha rilevato, pare, nessun problema all' aorta addominale.
Il che è benissimo. ora però rimane un problema...che le pulsazioni persistono eccome e, durando la cosa ormai da qualche mese, comincia a essere davvero fastidioso in quanto è giornaliero e pressochè costante, come se avessi un tamburo nell addome e vi assicuro che è davvero percepibile e fastidioso.
inoltre, è vero si che sono un soggetto (lievemente) ansioso, ma queste non sono fantasie o deliri ipocondriaci: il mio stesso medico ha rilevato effettivamente, come l' ha chiamata lui, una accentuata "pulsatività" dell aorta addominale dicendomi di non preoccuparmi ma non sapendo aggiungere null altro...e questa pulsazione è evidente a chiunque mi visiti, sia alla vista (l' addome "sobbalza" visibilmente) sia al tatto. la sensazione è localizzata specialmente nel punto del "plesso solare" diciamo, cioè appena comincia l' addome "alto", sotto lo sterno, la "percussione" poi si estende a quasi tutto l' addome.
ora la mia domanda è...cosa, al di fuori di un aneurisma (che grazie a dio non ho, almeno stando all ecografia) può darmi questo vi assicuro assai sgradevole sintomo, che è ormai una sensazione e un pensiero costante tutti i miei santi giorni, andando a influire seriamente sulla serenità e la qualità della mia vita?! il mio medico fa il vago, dice "ma si non preoccuparti"...e ho capito io non preoccuparti ma fatto sta che questa cosa non passa, anzi dura da mesi (!!) ed è veramente sgradevole, viene da se che anche volendo poi non posso fare a meno di preoccuparmi se, a parte una pacca sulla spalla, il mio medico non sà dirmi altro e intanto il sintomo resta!
sarò veramente grato a chi potrà darmi qualche spiegazione, che ormai neanche il mio medico "reale" pare sapermi dare e io non so piu a chi chiedere. davvero, vi chiedo perfavore di rispondere, so che il fatto di essere un ansioso (lieve) mi affibbia un' etichetta percui ogni cosa viene vista come l' ennesima paranoia ipocondriaca, lo capisco benissimo ma NON è cosi e io sno o davvero stufo di questo disturbo vorrei solo sapere cosa può essere e come eliminarlo per tornare a vivere in serenità!
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
una volta escluso il rischio (alquanto inverosimile) di un'aneurisma aortico e vista la tranquillità del suo medico curante su tale fastidio, la spiegazione più probabile (ma rimane una ipotesi) è che la sua parete addominale (tipica dei sogetti magri) sia povera di grasso sottocutaneo e permetta così di elicitare i movimenti del diaframma e le pulsazioni dell'aorta. Si tratta di un fenomeno ben evidente nelle donne magre, che magari le appartiene. Non vedo motivi d'ansia, stia perciò sereno.
Saluti
[#2] dopo  


dal 2009
innanzitutto grazie del consulto gent.mo dr. Martino
la sua spiegazione è certamente plausibile, in quanto sno effettivamente piuttosto magro (180 cm x 65 kg scarsi).
solo, perchè allora non ho sempre avuto questo "disturbo"? nel senso, io sono stato sempre magro, percui perchè solo da qualche mese a questa parte? è vero che sono "diventato" soggetto ansioso da circa un anno, prima non lo ero mai stato quindi magari una concomitanza di fattori. però mi sembra strano perchè appunto questo sintomo non è mai stato legato a stati ansiosi (che peraltro sono lievi e infrequenti, e ho imparato a controllare la cosa da solo senza farmaci) ma ad altre cause. perchè per esempio, dopo i pasti o se alla sera mangio troppo mi viene di notte? potrebbe essere, per esempio, legato a qualche disturbo gastrico? il mio medico mi ha detto (non riferito a questo) che probabilmente ho gastroduodenite o qualcosa di simile. grazie
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, anche Peter Pan era alla ricerca dell'isola che non c'è! Se lei è alla ricerca di una patologia inesistente penso che il suo stato ansioso anzichè diminuire presto aumenterà! Il suo atteggiamento è di per sè controproducente per il suo stato emotivo. Sarebbe forse utile che lei si consigliasse con uno consulente psicologo.
Saluti
[#4] dopo  


dal 2009
Credo che lei abbia frainteso ciò che ho scritto dr. Martino, non c'è nessun peter pan in ricerca proprio di nessuna isola...ma del resto lo immaginavo, gia sapevo che il solo accennare all' ansia ti fa subito etichettare come un ipocondriaco.
comunque:
io sono ben contento se il mio medico e gli esami escludono una patologia, e non sono affatto in cerca di essa. so benissimo che c'è solo da ringraziare a non avere nulla quando c'è chi sta male davvero.
quello che intendevo era: ben venga se non è niente di serio...ma visto che al di là di questo il "disturbo" resta (da mesi ripeto), allora cosa poteva essere, così da poterlo comunque "curare/eliminare" a prescindere dalla sua gravità, ma per il disagio che crea.
Per intenderci: non è che uno che si lamenta di emorroidi sta per forza cercando di farsi diagnosticare un tumore all ano (sarebbe folle), è ben felice di non averlo, ma non per questo allora è contento di tenersi le emorroidi per mesi...se può, ovviamente le curerà comunque! dunque, non essendo io un medico e non avendo la presunzione di potermi autodiagnosticare, mi rivolgo a dei medici.
Grazie comunque per il consulto
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, lei dice che non è alla ricerca di una immaginaria malattia, ma.... basta leggere le sue richieste per comprendere che così non è! Comunque anche i medici on line (me compreso, ovviamente) non possono avere la presunzione di diagnosticare patologie senza visitarla! Perciò al fine di non rendere sterile il discorso, penso che sia inutile che lei richieda pareri o consulti su sintomi aspecifici, generici e ritenuti già benigni dal medico/i che l'hanno visitata.
Saluti
[#6] dopo  


dal 2009
Mi perdoni dr. Martino, non volgio polemizzare ne niente, ma credo di sapere di cosa sono alla ricerca o meno; ho fatto apposta anche un esempio molto terra-terra (le emorroidi) per far capire cosa cercavo: Una soluzione a un disturbo, NON a una patologia immaginaria o meno, grave o meno, che infatti NON sto dicendo di avere e sono ben contento di non avere.
solo la soluzione, se esisteva, a un fastidioso disturbo che si prolunga ormai da tempo. come si fa con le emorroidi. niente di piu.
ovvio che non potete neanche voi fare vere diagnosi senza visitare (è un sito) difatti è un parere, come infatti nel suo primo consulto, cio che la gente cerca da medicitalia.it
tutto questo poi solo perchè ho chiesto se era possibile che il problema fosse di origine gastrica?! (visto che ho disturbi gastrici, riscontrati dal mio medico "vero", non è che me li invento pure questi)
era una semplice domanda, poichè appunto non sono un medico e non mi so rispondere da solo! bastava un si è possibile/ no non è possibile!
grazie comunque e salve