Utente 118XXX

Salve,

Dopo 10 mesi io e la mia ragazza abbiamo deciso di avere rapporti sessuali completi. Preciso che da lei sono fortemente attratto sia fisicamente che sentimentalmente. Il mio problema è che da solo riesco a completare il rapporto nell'arco di 5/10 min, anche tutti i giorni (tra l'altro rivolgendo il mio pensiero a lei), mentre con la mia ragazza potrei andare avanti fino all'esaurimento delle forze e purtroppo non riesco a raggiungere l'orgasmo anche se mantengo l'erezione per tutta la durata del rapporto. Nell'arco degli ultimi tre mesi è successo 7 volte su 8. Anche se la cosa potrebbe essere ritenuta appagante per alcuni punti di vista è molto frustrante soprattutto per lei e la cosa preoccupa ormai in ogni rapporto anche me. Volevo sapere se questa cosa è una possibile forma di ansia da prestazione. La ringrazio molto, complimenti e cordiali saluti.

Marco

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Silvio Presta
28% attività
0% attualità
4% socialità
FOLLONICA (GR)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2006
Caro utente,
può trattarsi di tale fenomeno. Talvolta l'ansia di fornire una performance di ottimo livello (per il timore della critica? di essere lasciato?...) rallenta fino a rendere talora impossibile l'orgasmo.
Ci rifletta su e provi a lasciarsi andare: nessuno la guidicherà.
Se la situazione non cambia, un bravo sessuologo potrà aiutarla (a Milano, dr. Marco Rossi o dr.ssa Graziottin)
Auguri
Silvio Presta

www.silvio-presta-psichiatra.tk
[#2] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
condivido il parere del Collega Presta.
Troppo spesso si trascura l'aspetto psicoanalitico di alcune delle patologie dell'apparato genitale maschile.
Auguri affettuosi e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#3] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Sono d'accordo con i colleghi, anche se prima eslcuderei, attraverso un consulto andrologico, eventuali cause mediche relative al disturbo. In ogni caso la componente psicologica di questa situazione mi sembra decisamente significativa, per questo effettuerei un approfondimento psicologico.

Se vuole mi può scrivere a dbulla@libero.it

Cordialmente

Daniel Bulla
[#4] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Assolutamente daccordo con i Colleghi. Valutazione Andrologica a scopo cautelativo e successivamente, indispensabile, un percorso psicosessuologico.

Un sincero augurio

Benaglia
[#5] dopo  
Dr. Claudio Lorenzetti
24% attività
4% attualità
12% socialità
LIVORNO (LI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Anche io sono daccordo con i colleghi: prima è opportuna una valutazione andrologica-urologica, se questa risultasse negativa potrebbe essere fondamentale una consulenza psichiatrica. In quest'ultimo caso potrebbe essere utile una terapia farmacologica (per la verità sono pochi i farmaci che si possono utilizzare in un caso come il suo dato che molti antidepressivi-antiansia hanno come effetto collaterale un ritardo nell'ejaculazione) o ancor meglio una psicoterapia ad orientamento cognitivo-comportamentale.
Cordiali saluti.
[#6] dopo  
Utente 118XXX

Iscritto dal 2006
Grazie a tutti voi per le pronte risposte al mio quesito. Seguirò i Vs. consigli

Distinti Saluti e grazie ancora
Marco