Utente 772XXX
Buongiorno a tutti,ringrazio in anticipo per la risposta e mi scuso moltissimo per il modo in cui mi sono espresso nell'oggetto ma non conosco purtroppo i termini tecnici.
Sono un ragazzo di 17 anni e da poco ho iniziato a fare sesso con la mia ragazza.
Dato che le prime due volte sono stato un disastro,"durando" circa tre minuti,alla terza volta ho deciso di seguire alcuni consigli che dicevano di "cambiare posizione" per "prendere tempo" e potersi calmare un attimo
Infatti oggi cambiando tre o quattro volte posizione sono "durato" molto di più,circa venticinque minuti,e comunque credo che questo non sia solo dovuto a questo trucco,ma anche a altri fattori,quali ad esempio il passaggio dell'imbarazzo della prima volta.
Purtroppo però,ad un certo punto il pene ha iniziato ad ammosciarsi.Chiedo:perchè???
Sono molto preoccupato,forse ho giocato troppo sul fatto di "cambiare posizione" e con troppe pause,ad ogni modo essendo alle mie prime esperienze e piacendomi molto la mia ragazza,escludo che potesse essere dovuto a "mancanza di eccitazione".
Non lo so...datemi una risposta..
Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro giovanissimo lettore ,

ho la sensazione che anche l'ultimo problema da lei lamentato abbia una causa psicologica, comportamentale legata soprattutto alla situazione particolare da lei vissuta e causata da una eccessiva ansia di prestazione.

Pensi sempre che un rapporto sessuale è senza "problemi" se viene visto soprattutto come un gioco, un "piacere" da vivere con serenità non come un dovere o un "fare comunque e a dispetto di tutto".

A questo punto, se il problema dovesse ripresentarsi, ne parli con suo padre e consulti il suo medico di medicina generale che, esaminato in prima istanza il suo problema, potrà eventualmente indirizzarla successivamente verso una più mirata valutazione specialistica andrologica.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com