mano  
 
Utente 178XXX
Buonasera dottori,
14 anni fa mi sono tagliata l'avambraccio sinistro in corrispondenza del mignolo. Corsa subito al pronto soccorso mi hanno messo i punti (mi ero tagliata la vena) ... Mesi dopo non muovevo la mano, mi cadevano le cose e tornata in ospedale mi hanno detto che avevo anche il tendine tagliato, e così mi sono operata... Operazione tutto ok... Passano altri mesi e non riuscivo a chiudere la mano, torno in ospedale e mi dicono che è impossibile ecc.. Eseguo l'elettromiografia e risulta pure il nervo tagliato e attorcigliato (da quello che mi ricordo! Mi romperanno, mi danno delle compresse per fare crescere prima il nervo..dopo pochi mesi sospese perché mi causavano nausea.
Quasi tutti i giorni da 14 anni mi fa male la mano, mi prendono i crampi e mi cadono le cose.. Non riesco a tagliare una pizza che si blocca la mano... La mano la apro e la chiudo ma con la mano aperta non riesco a congiungere il dito mignolo con l'anulare, e l'anulare con il medio. Ho sensibilità alla mano solo che se mi toccano sento formicolio.
Cosa può essere?
Cosa dovrei fare?
Devo eseguire qualche esame o lascio stare così?
Inoltre volevo avere un'ultima informazione :avevo chiesto l'invalidità e non è stata accettata per poco punteggio.. Per richiederla devo rieseguire gli esami?
Grazie della vostra risposta
Cordiali saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

da quanto riferisce, sembra che lei abbia subìto un danno al nervo ulnare.

Potrebbero esserci anche altri problemi, ma va fatta una diagnosi certa attraverso una visita specialistica.

Non ci sono scorciatoie.

Buona serata.