Utente 960XXX
Gentili Dottori, da ormai 4 mesi ho un problema al braccio destro nella zona appena sopra il polso.Era gonfio,tumefatto e faceva un rumore come di attrito e dall'ecografia era emerso che c'era del liquido per cui il tendine non scorreva bene sulla guaina.Dopo un'iniezione di Kenacort in pochi giorni sembrava tutto risolto.Dopo 15 gg di riposo, appena ripreso il lavoro, il problema si ripresenta ma in forma più lieve. Altra ecografia: liquido non riassorbito completamente, altra iniezione, altri 15 gg di riposo, ma questa volta migliora ma non passa. Altro specialista e cura: Arcoxia 90 mg, 1 cpr/die per 20 gg; Ananase 40mg, 2cpr/die per 10 gg; Antistax gel.
Anche questa volta non passa del tutto, o meglio: quando sono a riposo, anche per pochi giorni sembra guarito, ma appena ripredo l'attività lavorativa inizia il rumore di attrito e dopo qualche giorno i dolori lievi che delle volte si estendono verso il pollice e delle volte verso l'avambraccio, quando il dolore si intensifica sembra apparire anche del gonfiore. Al lavoro non faccio spesso movimenti ripetitivi però essendo manutentore il braccio destro devo cmq usarlo. Quali esami o altre terapie posso fare per risolvere il problema in maniera definitiva?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Riccardo Busa
24% attività
0% attualità
12% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Egregio Utente,
La tenosinovite al polso (in sede dorso-radiale) viene denominata anche tenovaginalite di De Quervain. Si tratta di una dolorosa infiammazione cronicizzata della guaina di scorrimento di alcuni tendini (estensore breve ed abduttore lungo del pollice) che scorrono a livello del polso. In molti casi la terapia conservativa è in grado di ridurre la sintomatologia rendendola compatibile con le normali attività manuali. Tuttavia spesso la risoluzione è solo temporanea e non soddisfacente. In questi casi il trattamento chirurgico diventa altamente consigliato: un intervento di minima invasività, in anestesia locale, in ambulatorio chirurgico, è in grado di eliminare i sintomi in modo DEFINITIVO.
Il mio consiglio: si rivolga ad un chirurgo della mano per una valutazione specialistica!
Cordiali Saluti,
[#2] dopo  
Utente 960XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio molto, seguirò il suo consiglio!!!