Utente 607XXX
Salve, scrivo per conto di un parente.
Due anni fà a causa di un ictus, è stata diagnosticata una stenosi dell'aorta (trattata chirurgicamente) e successivamente a distanza di un paio di mesi è stato sottoposto a bypass coronarico. Gli interventi sono stati superati con poche difficoltà, ma ad oggi, dopo 2 anni, si manifesta un dolore che parte dal petto, si irradia per il braccio sx, ed ultimamente va a propagarsi anche sulla mano causando dolore nell'apertura e chiusura della stessa. I cardiologi non riscontrano nulla. Vorrei un consiglio per analisi e visite specialistiche, o un suggerimento per questo malessere.
Grazie,
Daniele

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile sig. Daniele, ci dà pochi elementi anamnestici per una corretta valutazione del caso. Ci informi sull'età del paziente e sul tipo di esami già effettuati per cui "i cardiologi non riscontrano nulla" onde evitare il suggerimento di esami già espletati. Cordialmente,
[#2] dopo  
Utente 607XXX

Iscritto dal 2008
Anzitutto grazie per il Suo celere interesse.
L'età del paziente è di 66 anni. Ogni 15 gg. effettua controllo attività protombina (se ricordo bene il termine) + controlli routine attività cardiaca. (ecg. ecg sotto sforzo)
Un paio di giorni fà a causa del dolore si è recato presso PS, anche lì effetuato ecg non hanno riscontrato nulla inerente all'attività cardiaca.
Spero di esserLe stato di aiuto, ma non ho con me tutti gli esami dettagliati del parente
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, non è detto che il dolore da lei riferito debba esclusivamente esser dovuto all'attività cardiaca. Il dolore toracico può avere varia origine, cardiaca, pleurica, pericardica, osteomuscolare, nevralgica. Evidentemente, considerati tutti i fattori di rischio cardiologico, al PS, se avessero avuto il sospetto di dolore cardiaco, presumo che avrebbero comunque insistito per un ricovero preucazionale. Allo stato, non vi sono ulteriori elementi tali da suggerire eventuali approfondimenti diagnostici, se non il controllo periodico cardiologico, cui il paziente sta già effettuando.
Saluti