Utente 967XXX
Buonasera,
vorrei avere un consulto sui possibili rischi che potrebbero verificarsi dopo un intervento di ricanalizzazione (chiusura stomia).
Mio padre (86 anni cardiopatico con by-pass) é stato operato nel mese di novembre 2007 per l 'asportazione di un tumore al colon. Dopo il primo intervento di asportazione è stato immediatamente rioperato il giorno successivo per un'emorragia interna e, dopo una settimana, nuovamente operato per la formazione di un'ansa intestinale che impediva il normale funzionamento dell'intestino. Nel mese di marzo 2008 ha iniziato un ciclo di chemioterapia terminato nel mese di dicembre 2008. Nel frattempo, durante quest'arco di tempo ha subito due sincopi fortunatamente risoltesi con un semplice ricovero al pronto soccorso. Avrebbe ora intenzione di sottoporsi ad un intervento di ricanalizzazione per chiusura della stomia. A seguito del suo quadro clinico il rischio può essere alto?
Grazie per la Vostra cortese risposta

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Nardacchione
32% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2006
Gentile signore
come dice un nostro esimio collega "non esistono interventi facili ma esistono interventi chirurgici". Nel caso del suo papà l'intervento di ricanalizzazione è comunque un intervento gravato da tutti i rischi connessi ad un intervento tradizionale con tutte le possibili complicanze (dall'emorragia, alla occlusione fino alla deiscenza dell'anastomosi). Inoltre le condizioni generali ed i precedenti anamnestici non mi sembrano proprio ottimali. Tuttavia ogni decisione deve essere presa dal paziente insieme al chirurgo operatore ed all'anestesista.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 967XXX

Iscritto dal 2009
Esimio Dr.Nardacchione

La ringrazio per la sua cortese e sollecita risposta

Cordiali saluti