Utente 125XXX
Buon giorno,
io e mio marito da 3 anni stiamo cercando di avere un bambino, facendo gli accertamenti necessari abbiamo capito che gli spermatozoi di mio marito non sono molti e hanno poca motilita'.
Ha fatto una cura che gli e' stata data da un Adrologo presso l' ospedale a cui ci siamo rivolti, ha preso per 2 mesi il Kessar e per 3 settimane il Trental. Rifacendo l'esame seminale pero' non si sono rilevate variazioni rispetto al precedente.
Oltre a questa cura pero' non ci e' stato consigliato nient'altro se non la fecondazione in vitro.
Navigando in internet sono venuta a conoscenza di diverse alternative farmacologiche, ma anche una ricerca che mi ha colpito molto con cure naturali che viene pratica all' Ospedale San Carlo di Torino.
Vorrei sapere se effettivamente ci sono altre terapie che si possono seguire sia farmacologiche che naturali che possano essere una valida alternativa o se effettivamente ci dobbiamo accontentare dell' unica terapia seguita.
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile Sig.ra,
purtroppo di terapie Mediche certamente efficaci per migliorare i parametri seminali non ne esistono. Aminoacidi, Selenio, Vitamine si utilizzano ma non c'è una base scientifica concreta che dimostri una vera efficacia in termini di miglioramento del numero, della motilità e tantomeno della morfologia degli spermatozoi.
Suppongo che dalla visita e dagli esami eseguiti su suo marito il Collega non abbia riscontrato patologie correggibili (varicocele, flogosi delle vie seminali etc) e forse per questo e per la sua giovane età che ha deciso per una terapia "alternativa" prima di inviarvi ad un Centro di Procreazione Medicalmente Assistita. Atteggiamento condivisibile.
Io credo però che sia nostro dovere consigliarvi di intraprendere la strada della fecondazione assisitita, sempre lo desideriate ovviamente, proprio perchè tre anni di infertilità sono molti e non sono emerse patologie maschili correggibili.
Sulle cure Naturali non ho esperienza per cui non mi esprimo.

Un sincero augurio.

Dott. Benaglia
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Cara lettrice,

penso opportuno che suo marito sia seguito con continuità ed effettui terapia con efficacia dimostrata mentre non sono convinto della efficacia dei farmaci utilizzati in passato.
Conosco troppo poco della vostra storia per decidere se i tre anni di infertilità siano pochi o troppi.
Molto dipende anche dalla sua età
Con qualche elemento in più potrei darvi qualche indicazione più precisa
cari nsaluti
[#3] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
le terapie mediche di supporto tese al miglioramneto di alcuni parametri del liquido seminale, beninteso in assenza di patologie organiche identificabili, a mio parere e per la mia esperienza sono una realtà, fermorestando i risultati molto variabili.
Ma nel Suo caso, dopo 3 anni di rapporti liberi e suppongo frequenti, credo che non rimanga che seguire il consiglio di chi Vi ha indirizzato verso una concepimento assistito. Non tenterei altre, magari anche costose, strade.
Davvero tanti affettuosi auguri per la realizzazione del Vostro desideri e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO
[#4] dopo  
Utente 125XXX

Iscritto dal 2006
Ringraziondo prima di tutto per le vostre risposte, avrei ancora un dubbio.
Se decidessimo di intraprendere il cammino del concepimento assistito dovremmo seguire immagino una terapia medica. Mi potete dare qualche indicazioni in merito ai farmci comunemente usati?
[#5] dopo  
Dr. Renzo Benaglia
28% attività
4% attualità
8% socialità
ROZZANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
I farmaci a cui si riferisce credo siano le terapie ormonali utilizzate per la soppressione e stimolazione ovarica pre fecondazione assistita.
Visti i protocolli diversi di impiego di questi farmaci nonchè gli effetti e tutto il resto le consiglio di parlarne direttamente con il Ginecologo del Centro di PMA. Lui potrà darle delle risposte di certo più esaurienti delle mie.

Un sincero augurio
[#6] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
vorrei Lei si convincesse che il problema di dove, come, quando e con chi intraprendere l'iter per un concepimento assistito, è un problema troppo importante e complesso perchè sia oggetto di discussione nel nostro forum. Noi possiamo consigliare o meno questa strada, a seconda dei personali parsonali. Ma tutto il resto deve essere riportato in una dimensione reale, uscendo dal virtuale".
Affettuosi auguri per la relizzazione del Vostro desiderio e cordialissimi saluti.
Prof. Giovanni MARTINO