Utente 986XXX
Gentili Dottori,

il 18 Dicembre 2008 sono stato operato per un varicocele di secondo grado (tramite scleroembolizzazione), l'intervento è andato perfettamente e per un mese ho avuto pochi fastidi. La ferita però non si è ancora rimarginata, e da ieri ogni tanto fuoriesce del liquido biancastro, e la zona intorno ai punti (che avrebbero dovuto riassorbirsi, e in parte è successo) è decisamente gonfia, con sensazioni di fastidio che si alternano a dolore. Purtroppo non essendo in Italia non posso farmi visitare dal chirurgo né dal mio andrologo. Cosa potrebbe essere?
Grazie per la pazienza.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore,

purtroppo a distanza, senza una valutazione clinica in diretta, non è possibile dire molto se non di riconsultare, senza perdere altro tempo prezioso, il suo "chirurgo".

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

dalla sua descrizione si potrebbe pensare ad una raccolta siero-ematica sottocutanea a livello della ferita chirurgica
dovrebbe evitare che si formi una infezione
penso che, in qualsiasi parte del mondo lei possa andare ad un pronto Soccorso, Fisrt Aid per avere un parere medico gratuito o economico
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

comunque, fatta la valutazione post-chirurgica, se lo desidera , ci tenga poi informati sugli eventuali e futuri sviluppi del suo problema clinico.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#4] dopo  
Utente 986XXX

Iscritto dal 2009
Gentili Dottori,

grazie per i vari consigli. Sono andato a farmi visitare oggi, e devo dire che non è stata un'esperienza piacevole.
Sembra che sia un'infezione, dovuta probabilmente a qualche pelo che, ricrescendo, è venuto a contatto con la ferita. Fatto sta che ora la zona intorno alla ferita chirurgica è molto più gonfia, nonostante sia fuoriuscito già parecchio pus.
Alla fine mi è stato detto di prendere antibiotici per 5 giorni, e nel caso non dovesse migliorare, tornare in pronto soccorso per ulteriori accertamenti. Non mi è stato detto nulla riguardo la disinfezione o la protezione della ferita. Non è necessario coprirla con garza (essendo comunque aperta) né disinfettarla?
Vi ringrazio in anticipo.
[#5] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
dovranno essere praticate quotidianamente delle disinfezioni locali con disinfettanti tipo amukina. in relazione al volume prodotto sarà necessario i primi giorni praticare più medicazioni per mantenere "pulita" la zona. converrebbe posizionare sulla stessa un numero di garze sufficiente per avere una autonomia di qualche ora che le permetterebbe di muoversi senza sporcare gli abiti.
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

oltre alle indicazioni date dal collega Catani, le consiglio , soprattutto se la situazione non evolve verso una guarigione, di ricontattare il suo chirurgo e fare con lui una attenta rivalutazione in diretta.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
[#7] dopo  
Utente 986XXX

Iscritto dal 2009
Gentili Dottori,

mi pare che la situazione sia leggermente migliorata. Tuttavia, avrei ancora una domanda da porvi. Assodato che il gonfiore attorno alla ferita è dovuto alla presenza di pus, mi chiedevo se fosse meglio farlo uscire (con le dovute precauzione e un'accurata disinfezione) o lasciarlo li.
Ancora molte grazie per i consigli, che finora, per fortuna o purtroppo, si sono rilevati più utili di quelli del medico che mi ha visitato.
Cordiali saluti.
[#8] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

con tutte le dovute cautele, legate alla mancanza di una valutazione clinica in diretta, le dico che, se presente del pus, questo deve essere "allontanato".

Detto questo poi le ripeto che, a questo punto, bisogna ricontattare il suo chirurgo e fare con lui una attenta rivalutazione in diretta del suo problema.

Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com

[#9] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
condivido l'opinione del collega. è importante farsi rivedere dal medico curante