Utente 102XXX
Salve.
Ho notato di recente (non saprei però dire se è effettivamente recente oppure è presente già da diverso tempo) che a circa 1 cm al di sotto del glande nella parte frontale del pene (quella che si vede dall'alto, per intenderci) ho quella che io penso essere una vena, abbastanza ingrossata, di colore rossastro. Essa si estende in maniera orizzontale per circa 2 cm e presenta più o meno a metà un rigonfiamento simile ad un granulo, sempre di colore rossastro.
Vorrei sapere, prima di rivolgermi eventualmente ad un medico, se si tratta di qualcosa di grave oppure se rientra nella normalità?
Ci tengo a precisare che non mi provoca nessun dolore e che essa è molto più evidente durante l'erezione.
RingraziandoVi anticipatamente del cortese aiuto, Vi porgo i miei saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
...difficile dire qualcosa senza avere la possibilità di visitarla! Potrebbe essere un vaso venoso o linfatico, eventualmente infiammato. Ma anche altro.
Non dovrebbe essere nulla di grave, ma eventualmente qualcosa da dover trattare.
Il consiglio è pertanto di sottorsi ad una valutazione Andrologica o Urologica.
Ce ne faccia poi sapere l'esito.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,


una visita andrologica è sempre opportuna ed utile a 20 anni.
Dalla sua descrizione dovrebbe trattarsi della vena dorsale superficiale che normalmente decorre proprio come la descrive lei e che può essere piu' o meno visibile a seconda dello stato del pene
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Probabilmente si tratta di un vaso superficiale ipertrofico che moltissime persone hanno evidente e che non comporta nessun tipo di problematica specifica. Tuttavia trattandosi di un qualcosa di locale esso andrebbe per correttezza diagnostica evidenziato con l'obiettività di una visita clinica. Dunque le suggerisco laddove necessario a tranquillizzarla di farsi visitare da un urologo della sua zona.