Utente 102XXX
fin da piccola mi era stato riscontrato un lieve soffio al cuore. quattordici anni fa ho eseguito il primo accertamento ecocardiografico che ha avuto questo esito:"prolasso lieve della valvole mitrale con lieve rigurgito valvolare.a livello dell'apparato di sostegno del lembo posteriore mitralico piccola immagine eco-densa, parzialmente calcifica(10.1x6.5), per possibile endocardite pregressa". mi fu detto che non era nulla di preoccupante e che dovevo solo eseguire dei controlli e la profilassi per l'endocardite. ho eseguito dei controlli a distanza di qualche anno e la situazione non si e modificata. mi sono di recente rivolta ad un altro cardiologo per il controllo ecocardiografico con questo risultato:"piccolo prolasso telesistolico di entrambi i lembi mitralici con lieve rigurgito telesistolico. piccola formazione sottocentimetrica ecodensa, adisa su corda tendinea subito al di sotto della base d'impianto del lembo posteriore mitralico(in apparenza piccolo fibroelastoma papillare); molto più piccola su corda tendinea poco al di sotto del lembo anteriore(in 4c. dall'apice). come posso accertare senza ombra di dubbio quale sia la diagnosi giusta tra le due? in caso di fibroelastoma papillare, è necessario sicuramente un intervento al cuore per la rimozione, come ho letto su internet, oppure ci sono delle cure alternative? non so a chi rivolgermi, sapete indicarmi un centro in cui trattino questi tipi di problemi?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, la diagnosi accurata del suo problema richiede l'esecuzione di un ecocardiogramma transesofageo, che permetterebbe uno studio più accurato dell'intero apparato valvolare mitralico. La situazione comunque, allo stato odierno, non sembra particolarmente compromessa, vista la piccola insufficienza mitralica. E' una situazione certamente da controllare con ecocardiogrammi seriati nel tempo, ogni 6-8 mesi, ma allo stato non allarmante.
Saluti