Utente 871XXX
Gentili dottori,
avrei bisogno di alcuni chiarimenti, dopo un infortunio in itinere sono stato sotto "tutela" dell'Inail per 6 mesi, ieri, dopo visita, il medico legale ha fatto il certificato doce testualmente è scritto: l'infermità è cessata e l'infortunato può riprendere il lavoro. Verbalmente ha detto che valuteranno i postumi e mi arriverà a casa il referto ma sul certificato non c'è scritto ciò. Come devo comportarmi? é normale che sul certificato non ci sia scritto "postumi da valutare"? Grazie
[#1] dopo  
66038

Cancellato nel 2009
Caro Signore

Non si preoccupi è prassi normale.
Sarà contattato a breve.

Cordialmente
[#2] dopo  
Dr. Maurizio Golia
28% attività
8% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Rientri al lavoro, fra qualche settimana l'Inail le spedirà il verbale con indicazione della diagnosi e della percentuale del "danno biologico" (se è da 1 a 5 le pagheranno solo i giorni), se è da 6 al 15 le pagheranno una somma complessiva, se è da 16 in su avrà diritto ad una rendita. Può rivolgersi ad un medico legale per una perizia di parte.

Dr. M. Golia - medico legale e del lavoro - Brescia
[#3] dopo  
66038

Cancellato nel 2009
Caro signore

Non è deto che lei debba necessariamente riprendere il lavoro.
Si rivolga al suo medico curante il quale valuterà l'opportunità di continuare con la certificazione di malattia.

Cordialmente
[#4] dopo  
Dr. Maurizio Golia
28% attività
8% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Attenzione che se l'Inail ha chiuso l'infortunio potrebbe passare sotto la tutela INPS (malattia ordinaria).

Dr. M. Golia
[#5] dopo  
Utente 871XXX

Iscritto dal 2008
Vi ringrazio per avermi dato dei chiarimenti.. Buongiorno.
[#6] dopo  
66038

Cancellato nel 2009
Caro signore

Certamente.

Se effettivamente lo necessita, il suo medico di fiducia potrà redigere un certificato di malattia.

Cordialmente
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Golia
28% attività
8% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2007
Le suggerisco comunque di tornare al lavoro se la mansione svolta è compatibile con i disturbi.

Dr. M. Golia - medico legale e del lavoro - Brescia