Utente 158XXX
Buonasera si parla di un vaccino oramai pronto contro hpv, pare sia già uscito in america!? Quando uscirà in italia??? qualcuno ha notizie precise a riguardo? grazie. Saluti.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2005
il vaccino per l'HPV è ormai una realtà, in america sarà disponibile entro la fine del 2006 mentre in Europa si aspetta il via libera della agenzia EMEA.

Esso si è dimostrato maggiormente efficace su 4 dei più di 100 ceppi più comunemente causa di patologia nell'uomo (4,11,16,18) i quali sono tra l'altro connessi con un significativo aumento del cancro alla cervice uterina.

Tutto ciò naturalmente,non deve far abbassare la guardia nei confronti delle Malattie Sessualmetne Trasmissibili (ricordiamo la grande riemergenza della Sifilide degli ultimi anni in Italia) e dell'HIV in particolare.

Cari Saluti.
Dott. Luigi Laino
Dermatologo e Venereolgo, Roma
[#2] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
I ceppi di Papilloma virus sono più di 100, tutti possono provocare problemi, non solo a livello della cervice uterina, ma anche in altri organi. Sperare di poter utilizzare un vaccino per combattere questo virus, è inopportuno. Inoltre cosa può succedere quando viene inoculato un virus attenuato e reso resistente agli agenti atmosferici?, può avere azione sui ceppi che sono definiti significativi, e gli altri?, quali garanzie offre?. È molto più semplice applicare la terapia biologica su questo virus, che nel corso degli anni, ha dimostrato una efficacia eccezionale. Da quando fu applicata da Hahnemann, ha sempre funzionato portando via il virus, creando una sicura resistenza dell’organismo nei confronti del virus. Sicuramente oggi si sono sovrapposti molti altri agenti patogeni, che in simbiosi gli uni con gli altri, rendono più difficile la sua eradicazione. Bisogna sempre individuare quale agente patogeno ne ha permesso l’ingresso e la permanenza, agire anche su questo, pertanto il lavoro è diventato più difficile, ma sicuramente si ottiene un ottimo risultato. La medicina biologica ha anche la possibilità di poter individuare la presenza di questi agenti patogeni, conoscerne la quantità, seguirne la eradicazione. Con questo si può capire l’importanza della sua applicazione.Saluti
[#3] dopo  
Utente 158XXX

Iscritto dal 2006
Buongiorno, vi ringrazio per i vostri interventi.
Volevo porre una domanda al Dr. Alberto Moschini che sia in questo interveto che in altri precedenti parla di una terapia biologica con risultati nel tempo eccezzionali contro questo virus. Qual'è questa terapia? credo che molte persone siano interessate nel conoscerla... per cercare di debellare qesto virus.
In attesa di un suo riscontro colgo l'occasione per porgervi i miei più distinti saluti.
[#4] dopo  
10161

Cancellato nel 2009
Egregio,
Il papilloma virus, ha la possibilità di permanere nell’organismo per molto tempo, una volta entrato, i condilomi sono solamente l’espressione del tentativo di eliminarli, ma loro sono all’interno. Altri virus ne hanno permesso l’ingresso e la permanenza, vivono come in simbiosi. Uccidono alcune cellule, ma il sistema ha la possibilità di reintegrarle, da qui la difficoltà di avere sintomi precisi. Chiaramente questi virus necessitano di sostanze nutritive, che trovano nelle cellule stesse, da qui i sintomi vaghi e aspecifici; sempre espressione del disagio interno. Producono sostanze per non essere individuati, quindi i comuni esami della medicina convenzionale, non ne ha la possibilità. Per questo occorre rivolgersi alla medicina biologica, che con ragionamenti diversi, ma che possono essere ben integrati alla medicina convenzionale, ha la possibilità di individuarli. La medicina quantistica viene in aiuto, individuando esattamente la presenza delle parti costituenti dei virus, o di altri agenti patogeni, ben conosciuti; somministrando questi, si informa il sistema immunitario della loro presenza, questo poi provvede alla loro eliminazione.Il secondo intervento è sulla malattia che ha fatto entrare il virus o i virus, con farmaci specifici.Il terzo è sui sintomi vaghi e aspecifici.Il quarto è sull’organismo in generale, con una personalizzazione della terapia.La medicina convenzionale fornisce le informazioni scientifiche più recenti, la medicina biologica ha la possibilità di applicarle immediatamente. L’organismo ha reazioni e produzione di sostanze con una diluizione dello 0,005nanomolare, la stessa usata dalla medicina biologica.I costi sono completamente ridotti, perchè si giunge con rapidità ad una diagnosi, evitando esami inutili e costosi, i farmaci costano veramente poco, un granulino al giorno, non ha costi eccessivi.Come vede, una integrazione fra la medicina convenzionale e biologica, con le recenti scoperte scientifiche, un ragionamento originale applicativo, studiato con le esperienze professionali, porta a soluzioni sorprendenti. Chiaramente esistono difficoltà, ma gli esami strumentali a disposizione, aiutano a superarle.
Saluti