Utente 867XXX
Gentili dottori , ho 22 anni, sono in pesoforma e pratico sport. Da circa 2mesi avverto uno strano fastidio al braccio sinistro come di formicolio, come di aghi che mi pungono e a volte dolore, come se avessi il laccio emostatico attaccato al braccio. Tale fastidio si propaga sino alle dita della mano.Soffro anche di mal di schiena e ho la tendenza ad avere le spalle chiuse e la schiena curva. Quest'estate in seguito ad un'incidente ho avuto una forte contusione alla schiena , lato sinistro e 4 anni fa ho avuto un forte colpo di frusta. Ho chiesto parere al mio medico di base ma ho l'impressione che non sappia da dove cominciare... mi ha proposto l'esame (non so come si chiami) che praticano con gli aghi sulle braccia e raggi alla cervicale. Secondo voi di cosa si potrebbe trattare? E' qualcosa di grave? Che esami dovrei effettuare ? Sono spaventata anche perchè sono un tipo molto ansioso.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr.ssa Maria Morena Morelli
28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
in altre Sue richieste di consulto le è già stata consigliata una valutazione ortopedica

http://www.medicitalia.it/02it/consulto.asp?idpost=70567
http://www.medicitalia.it/02it/consulto.asp?idpost=73531

Consideri che un consulente telematico non ha modo di effettuare una adeguata raccolta della Sua anamnesi (dolore sterno ?, dolore arto superiore ?, mal di schiena ?, regione dorsale ?, scapola ?, Fitte al cuore ? (referto ECG negativo), somatizzazione da ansia ?, problema posturale ? - “..atteggiamento di spalle chiuse e schiena curva..” - ) e SOPRATTUTTO non ha modo di visitarla (valutazione obiettiva con eventuali manovre posturali evocanti il 'dolore');
Pertanto, è alquanto difficile rispondere alle Sue domande (“...Secondo voi di cosa si potrebbe trattare ? E' qualcosa di grave ? Che esami dovrei effettuare ?..”).
Se ha qualche dubbio sugli esami consigliati dal Suo medico curante (che comunque, certamente, la conosce molto meglio di noi consulenti telematici !), almeno accetti il consiglio della valutazione ortopedica e sarà il collega (dopo valutazione diretta) a consigliarle eventuali approfondimenti diagnostici.
Cordialmente
Dott.ssa M.M.Morelli