Utente 103XXX
Ho 30 anni, ho sofferto di attacchi di panico che sono scomparsi con una cura di un anno a base di Dapagut (paroxetina). Da tre mesi ho smesso di curarmi e direi che con gli attacchi di panico è tutto ok. Il problema è che ora ho una forte depressione, che forse avevo già prima della terapia con paroxetina e che per un anno ho dimenticato perchè avevo l'umore a mille. Nel frattempo ho scoperto di avere un'oligoastenospermia con numero di spermatozoi bassissimo e una mortalità precoce. Difatti sto provando ad avere un figlio da nove mesi, ma senza risultato. Questo problema aumenta la mia depressione e quindi sarei tentato a riprendere la cura con paroxetina, ma ho paura che questo possa influire sulla quantità e sulla vitalità degli spermatozoi. Ho letto che la paroxetina rovina il dna degli spermatozoi, cosa che non figura sul bugiardino del medicinale (negli effetti indesiderati compaiono genericamente "Molto comuni: disfunzioni sessuali"). Secondo voi potrebbe esserci un legame tra paroxetina e infertilità? Se si, esistono degli antidepressivi omeopatici che non portano effetti indesiderati di questo tipo?

Confido in una Vs. risposta risolutiva. Grazie.
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
la paroxetina non fa nulla spermatozoi. Quello che le serve è u bravo andrologo che la visiti in diretta. Faccia sapere se vuole.
[#2] dopo  
Utente 103XXX

Iscritto dal 2009
A distanza di sei mesi, da quando ho smesso di assumere paroxetina, ho ripetuto lo spermiogramma con risultati incoraggianti: da 300.000 del precedente a 6.000.000 attuali. Cosa ne pensa?
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Direi che lo spermiogramma è soggetto a queste ed altre variazioni. Penso sia ora di sistemare quel grave problema di pochi spermatozoi. Ma non via web da l vivo.