Utente 114XXX
Salve, oggi da una visita dermatologica ho scoperto di avere una 'ghiandola' sull'asta del pene..si tratta di una bollicina biancastra di diametro di circa 2-3 mm e spessa 1mm al max. Il prossimo 15 giugno per consiglio di questo dermatologo dovrei subire un intervento di "asportazione radicale di lesione della cute", poichè in teoria questa ghiandola non darebbe fastidio solo che per lui potrebbe ingrossarsi e darmi dei problemi in futuro (ho 17 anni). Si tratta di un intervento difficile/doloroso? Sono possibili complicazioni? Ora io sono chiaramente preoccupato per questo intervento visto la zona ma ancor di più sono preoccupato di un eventuale errata valutazione del problema. Per voi un dermatologo è in grado ad occhio di escludere problemi più gravi?Dovrei rivolgermi ad un alro specialista? Sottolineo che per mia sfortuna sono cancerofobo..
Vi ringrazio anticipatamente, saluti Agostino

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro Agostino,
quanto ci descrivi pare essere una banale lesione cutanea, del tutto benigna. Ritengo che un bravo dermatologo sia competente alla sua corretta asportazione. Mi raccomando: non schiacciarla!
[#2] dopo  
Utente 114XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per la rapida risposta, ora sono più tranquillo.
L'asportazione verrà eseguita da un chirurgo, però vorrei sapere se per un lesione di questo tipo rimarrà una più o meno evidente cicatrice e come avviene l'anestesia per gli interventi ai genitali. Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Caro Agostino,
direi cicatrice quasi invisibile ed anestesia locale con crema o iniezione. MA parlane direttamente con chi ti opererà.