Utente 115XXX
Ho 49 anni con una storia clinica di gastritico su base nervosa (stress) ernia iatale accertata e occasionali attacchi di panico. Mi costringo ad un regime alimentare "monastico" che comprende pasta condita con olio, carne verdure poco
pane, occasionalmente prosciutto crudo. Durante gli ultimi mesi ho avuto tre episodi notturni di risveglio improvviso in stato di malesseres con pasmo sordo immediatamente sotto lo sterno e conseguente violenta tachicardia.
Nel corso dell'ultimo episodio particolarmente forte (lo sfigmomanometro non riusciva a registrare la pressione)ho chiamato la guardia medica, l'ECG eseguita al pronto soccorso non ha evidenziato problemi cardiaci. Gli esami del
sangue eseguiti di routine sono risultati nella norma. Nessun caso di morte improvvisa in famiglia. Gradirei una Vostra opinione in merito alla necessità di effettuare indagini approfondite per ricerca di Sindrome di Brugada. Ringraziandoanticipatamente per l'attenzione porgo cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, la sindrome di Brugada è una patologia congenita che determina alterazioni elettrocardiografiche caratteristiche, già evidenti ad un tracciato di base, per cui nel suo caso è già da escludere vista l'esecuzione dell'ECG al pronto soccorso. Per quanto riguarda la sua tachicardia, essa è molto probabilmente legata alle sue patologie di base, quali l'ernia jatale, la gastropatia su base nervosa, l'ansia. Allo stato non ritengo opportuno indicarle altri accertamenti, ma piuttosto curare meglio le patologie sopraelencate, aggiungendo alle norme dietetiche anche terapie farmacologiche da concordare con il curante.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 115XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio per le spiegazioni e per la solerzia con la quale mi ha risposto, io in realtà pensavo che la sintomatologia fosse rilevabile soltanto durante l'episodio e che non presentasse segnali nell'ECG lontano dall'episodio in fase acuta (tachicardia ed extrasistoli).
Non mi resta che mettermi tranquillo e seguire il Suo consiglio.
Cordiali saluti