Utente 120XXX
salve sono un ragazzo di 19 anni e sono affetto da prognatismo.
premetto che non è di origine genetica in quanto nessuno dei miei parenti è affetto da tale condizione. La causa è infatti una somministrazione di ormoni per la crescita ossea che si è protratta fra i 14 e i 17 anni per correggere un deficit ormonale e uno scarso accrescimento.
Questa terapia è stata abbastanza efficace per la statura, sono alto circa 1.67, certo non sono un gigante, tuttavia la terapia (probabilmente effettuata per un periodo troppo lungo) ha avuto l'infelice conseguenza di farmi sviluppare un naso leggermente troppo grosso e, purtroppo, un'osso mandibolare decisamente troppo lungo.
Devo dire che questo prognatismo non mi ha provocato danni di salute ( non ho dolori ) o psicologici, ma il danno estetico è notevole e marcato.
Qualche hanno fa un dentista ha constato che i miei denti sono dritti e in salute e che solo un'intervento chirurgico potrebbe correggere la situazione.
Ora io vorrei sapere esattamente in merito all'intervento se davvero varrebbe la pena di operarsi, in cosa consiste l'intervento, quali possono essere le conseguenze, i costi e i rischi.
Ringrazio in anticipo per le risposte

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Maria Miotti
28% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Gent.mo Sig.re,
senza un'adeguata documentazione clinica non è possibile risponderLe, se non genericamente, per quanto riguarda il prognatismo mandibolare.
Per tale patologia, per risponderLe, il trattamento è ormai routinario:

1. vale la pena sottoporsi al trattamento se vi sono le indicazioni (funzionali, estetiche,...)
2. consiste in un intervento chirurgico di osteotomia mandibolare (o anche mascellare, a seconda delle indicazioni)
3. le conseguenze sono positive, come miglioramento funzionale ed estetico
4. i costi possono anche essere nulli, dato che il trattamento può essere erogato dal Servizio Sanitario Nazionale
5. il rischio maggiore è a carico delle strutture nervose (nervo mandibolare), con possibile riduzione della sensibilità del labbro inferiore

Le suggerisco di visitare il sito www.sicmf.org
Cordiali saluti

[#2] dopo  
Dr. Alessandro Medici
24% attività
0% attualità
12% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2000
Concordo in pieno con quanto detto dal collega.
Saluti
[#3] dopo  
Dr. Carmine Taglialatela Scafati
24% attività
0% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2006
Gent.le utente, nel suo caso l'intervento chirurgico è un optional, in quanto non ha problemi funzionali. Se dovesse comunque decidere, le consiglio di verificare se vi è ancora un residuo di crescita dei condili mandibolari, considrato la precedente terapia con ormoni e l'età. Può fare ciò esguendo una scintigrafia ossea in un centro specializato.