Utente 121XXX
Buongiorno volevo gentilmentne chidere un consiglio in merito ad alcune cose che mi accadono: 1) mi capita che in seguito alla eiaculazione il testicolo dx "salga" abbandonado la sua posizione originaria. Mi accorgo di questa cosa sopratutto in seguito alla masturbazione. può essere ? cosa devo fare? devo intervenire in qualche modo? 2) mi capita a volte di non raggiungere l'orgasmo e perdere l'erezione per qualche motivo che non riesco a capire.. a volte sembra quai una "mancanza di sperma" e dopo un po' che ho il pene eretto non riesco a venire (seppur sforandomi) perdendo quindi l'erezione. questo mi capita sopratutto quando non sono in astinenza da tanto.. (1 gg). cosa può essere la causa?su internet ho sentito parlare di ipogonadismo? cosa posso fare per capire ed interveire? anche il mio "desiderio sessuale" forse non è elevatissimo(in realtà non so i canoni standard ma 2 volte alla settimana mediamente mi viene un istinto / appetito sessuale). 3) anni fa sono stato operato di varicocele (testicolo sx) se non ricordo male di III / IV grado. questo può avere qualche connessione con quello descritto ai punti 1 e 2? il testicolo sx (anche in seguito all'internvento di legatra della vena spermatica ) è comunque più grande e nn uniforme rispetto al dx. è normale? può riproporsi il varicocele ed evenutalmente può trattarsi di idrovaricocele? vi ringrazio per i consigli che mi darete! grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il riflesso cremasterico,favorito dalla erezione/eiaculazione,può comportare la risalita del testicolo nel canale inguinale.A ciò non esiste un rimedio.La perdita del'erezione a seguito di una difficoltà nella eiaculazione non esprime, necessariamente,un ipogonadismo,considerando, tralaltro,che il desiderio sesuale mi sembra ben presente.Quanto all'intervento di correzione del varicocele,esso non determina in alcun modo il verificarsi della sintomatologia precedente.Probabilmente é presente un idrocele ma,mi domando,l'ecodoppler post-intervento che esito ha dato e,soprattutto,é stato seguito da un andrologo?Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 121XXX

Iscritto dal 2009
Buonasera e grazie per la celere risposta.
le chiedo alcuni approfonidmenti in merito alla sua cortese risposta:

1) "il riflesso cremasterico,favorito dalla erezione/eiaculazione,può comportare la risalita del testicolo nel canale inguinale" è una cosa normale o no? quando la "risalita" è considerata eccessiva?

2) "La perdita del'erezione a seguito di una difficoltà nella eiaculazione" può considerarsi una cosa normale? anche se a volte sono in erezione è normale non arrivare all'orgasmo anche dopo ripetute stimolazioni?

3) l'idrocele cosa comporta? è necessario un intervento urgente?

in seguito all'operaizione di varicocele (avvenuta anni fa) non ho fatto più alcun controllo. cosa devrei fare?

grazie nuovemente
cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...sulla risalita eccessiva sentirei l'opinione di uno specialista reale e non virtuale,in quanto l'unica soluzione é quella chirurgica,inusuale a 33 anni.Sulla detumescenza precoce secondaria alla difficoltà evidenziata nel raggiungere l'eiaculazione sospetterei un fenomeno congestizio/infiammatorio delle ghiandole preposte alla produzione del liquido seminale (prostata e vescicole seminali) e/o alterazioni morfo-strutturali dei genitali esterni (prepuzio/frenulo/glande).Quanto all'eventuale idrocele,come tutto ciò che ho ipotizzato,solo una visita andrologica,corredata da un ecodoppler scrotale,uno spermiogramma con coltura,un'ecografia prostatica e delle vie seminali,nonché una determinazione ematica degli ormoni sessuali,possono portare ad una corretta diagnosi ed una risolturiva terapia.Cordialità.