Utente 113XXX
Salve
ho 31 anni, come tutti dall'età della pubertà mi masturbo con regolarità, convivo con una ragazza e la nostra attività sessuale è abbastanza regolare anche se non molto intensa per vari motivi.
In questo periodo non ho mai abbandonato la masturbazione, però la cosa si è modificata nel tempo, sento ora la di fare masturbazioni lunghe e duratura anche qualche ora, ovvio non si tratta di una masturbazione continua, ma semplicemente inizio smetto in continuazione fino ad arrivare ad ore.
La cosa non mi ha mai provocato problemi, anche perchè non sempre ho il tempo materiale di fare questa pratica.Sono 2 mesi che sono a casa per un infortunio e quindi ora ho il tempo di fare questo tipo di cosa, all'iniziuo tutto ok, ma adesso da qualche tempo, ho problemi nell'erezione, cioè il pene non diventa mai eretto al 100% e l'ultima volta che ho fatto sesso, mi è successo la stessa cosa.
La mia domanda è: la masturbazione portata per cosi lungo tempo, provoca problemi di questo tipo?se si cosa dovre fare?
Grazie
p.s: so che mi risponderete che devo farmi vedere da uno specialista, ma vi chiedo gentilmente solo di rispondere alla mia domanda

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
quel tipo di attività masturbatoria non provoca alcunchè, Le dico anche se ha già detto che lo sa di consultare un collega in diretta per valutare l' origine (vascolare, psicologica, ormonale, metabolica) del suo problema e la terapia. Più un problema sta lì più è difficile cavarlo.
[#2] dopo  
Utente 113XXX

Iscritto dal 2009
Quindi posso stare tranquillo almeno che questa mia pratica, non provoca problemi sessuali.
Di conseguenza visto che fino a poco tempo fa tutto era regolare posso pensare che sia solo un problema momentaneo, e semmai magari psicologico.
Faccio ancora una domanda, è possibile che questo super "lavoro" dovuto alla mia pratica, possa provocare una sorta di affaticamente o calo del testostero con conseguente difficoltà di erezione? Se cosi fosse basterebbe diminuire il carico di lavoro.
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Faccio ancora una domanda, è possibile che questo super "lavoro" dovuto alla mia pratica, possa provocare una sorta di affaticamente o calo del testostero con conseguente difficoltà di erezione? GIA DETTO NO.
Rimane il dato di farsi visitare.