Utente 597XXX
Vorrei richiedere questo consulto a voi gentilissimi medici, in quanto desidero definire una volta per tutte l'effettiva presenza e l'entità del mio problema, nonchè l'eventuale possibilità di risoluzione. Non posso dire con certezza di soffrire di impotenza. Spesso mi succede di avere eiaculazioni precoci; a volte di avere l'impressione di eiaculazioni con tempi accettabili ma con grosse difficoltà a ritardarle; in altre avverto scarsità di desiderio, preoccupazione di fallire; ma molto spesso mi è successo di avere rapporti soddisfacienti anche con più orgasmi. Di conseguenza non riesco a rendermi conto se la mia sessualità rientra in parametri nella "norma", oppure se esiste un problema di qualche natura. Tra l'altro ho fatto anche numerosi accertamenti, da spermiogrammi, dosaggi ormonali, ecoprostatica e doppler, tutti sostanzialmente nella norma. Vorrei sapere se posso rivolgermi a qualche specialista per valutare la mia funzionalità sessuale e ricorrere se necessario a terapia, medica, chirurgica, psicologica, ecc..Vi ringrazio anticipatamente per la vostra cortese attenzione porgendo i miei distinti saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il panorama clinico che ci offre non determina con certezza un disagio sessuale permanente,piuttosto mi fa pensare che la partner non sia convivente,per cui il rapporto sessuale finisce fatalmente con l'essere programmato e,quindi,non sempre spontaneo,particolarmente quando insorge l'ansia da prestazione.E' chiaro che l'intervento di un esperto andrologo,coadiuvato da uno psicosessuologo,potrebbe aiutarLa a chiarirsi le idee ma,mi domando come mai chi Le ha prescritto le indagini che riferisce aver eseguito,non si sia preso in carico il Suo problema...Cordialita'.