Le malattie del cuore possono esporre le donne in menopausa al rischio di un peggioramento e un declino delle funzioni del cervello.

E’ quello che conferma una nuova ricerca pubblicata recentemente sulla rivista scientifica Journal of American Hearth Association.

”Il nostro studio fornisce ulteriori nuove prove che esiste un rapporto tra malattie cardiache e demenza, soprattutto nelle donne in post-menopausa e diversi tipi di malattie cardiache e vascolari sono associate a un declino delle funzioni del cervello"

ha affermato uno degli autori dello studio, Bernard Haring, MD MPH dell’Università di Wuzburg in Germania.

Lo studio è stato effettuato su 6455 donne tra i 65 e i 79 anni, in menopausa, che all’inizio dello studio erano in buona salute, e alla fine dello studio, dopo 8,4 anni di follow-up. attraverso la somministrazione di test ed esami neuro cognitivi, i risultati sono stati i seguenti:

  • Le donne in post-menopausa che avevano sviluppato una malattia cardiovascolare avevano un rischio superiore rispetto alle donne sane, di sperimentare nel tempo anche un declino cognitivo

  • Il rischio era più alto nelle donne che avevano avuto un infarto

  • Quelle che avevano avuto un’angina pectoris invece avevano un rischio moderato, mentre non è stata osservata alcuna relazione significativa per la fibrillazione atriale e l’insufficienza cardiaca

  • I fattori di rischio come pressione alta (ipertensione) e diabete aumentano il rischio di declino cerebrale e demenza

  • L’obesita invece di per sé, in questo studio non ha mostrato di aumentare il rischio per il declino cognitivo

     

Vi ho riportato i risultati di questo studio per trasmettervi ancora una volta un messaggio che è quello della PREVENZIONE, che è fondamentale.

Nel caso specifico si pone l’attenzione sull’associazione tra malattie cardiovascolari e declino delle funzioni cerebrali e la demenza.

Le funzioni cerebrali che possono essere compromesse sono la memoria, la capacità di attenzione, di concentrazione, che se sono compromesse alterano profondamente e negativamente la qualità della vita, e la capacità di relazione con gli altri.

Avete mai pensato a cosa significhi una volta che sarete anziane, non ricordare più le cose, non riuscire più a seguire un discorso, non potervi più concentrare, non essere più in grado di relazionarvi con vostro marito, i vostri figli, nipoti e amici?

E’ importantissimo quindi cominciare da giovani la prevenzione di queste malattie per garantirci una buona salute e una vita dignitosa quando gli anni passeranno e saremo in menopausa.

Come si può realizzare la prevenzione di malattie cardiovascolari e cosa si può fare per mantenere efficiente il nostro cervello, e per non perdere la memoria?

 

Le regole sono queste:

 Fonte:

http://jaha.ahajournals.org/content/2/6/e000369.abstract

 

Potrebbe interessarti anche:

Alimentazione in menopausa: http://menopausaserena.altervista.org/alimentazione-in-menopausa.html