Finalmente anche l'Italia, con la pubblicazione sulla Gazzetta  Ufficiale dell'8 maggio, si adegua alle normative europee liberalizzando l'acquisto diretto in farmacia, senza ricetta medica, della pillola Ellaone, efficace entro 5 giorni dal rapporto sessuale a rischio.

Tale pillola contiene il principio attivo ulipristal acetato, attivo nell'inibire l'ovulazione.

L'efficacia del farmaco è maggiore se assunto nelle prime ore dal rapporto a rischio, poi successivamente diminuisce, ma si puo' attendere qualche ora e andare tranquillante in farmacia il giorno dopo.

Finiranno così le vecchie scorribande notturne di donne giovani e meno giovani per richiedere la ricetta della pillola del giorno dopo, le telefonate ai medici curanti, l'assalto del sabato sera  ai presidii di guardia medica, ai pronto soccorso, ai reparti di ostetricia e ginecologia. Talvolta  si verificavano innumerevoli peregrinazioni da un centro all'altro per frequenti rimpalli di responsabilità in nome di una obiezione di coscienza assai poco comprensibile e giustificabile, trattandosi non di un farmaco abortivo, ma semplicemente contraccettivo. Qualche medico o farmacista è stato anche denunciato per non aver prescritto il farmaco o per non averlo dispensato o ave comunque indirizzato la donna dove avrebbe potuto avere la sospirata ricetta.

Ellaone è un farmaco praticamente non abortivo e privo di rischi, per cui cade anche l'obbligo, fino ad ora solo italiano, di effettuare un test di gravidanza prima di prescriverlo. D'ora in poi sarà acquistabile in farmacia come tutti gli altri prodotti da banco.

L'obbligo di ricetta medica in Italia al momento permane solo per le minorenni, probabimente perchè nel loro caso si ritiene opportuna qualche spiegazione in più.

Speriamo che questa maggiore facilità di accesso al farmaco suddetto possa ridurre il ricorso all'interruzione volontaria di gravidanza, purtroppo ancora diffusa nel nostro paese.

 

Fonte: www.gazzettaufficiale.it