Sull'ultimo numero della rivista Bipolar Disorders é stato pubblicato il risultato di un recente studio che ha indagato la possibilità di individuare il disturbo bipolare pediatrico attraverso dei marcatori strutturali specifici dell'amigdala. Nello studio sono stati esaminati 16 bambini e adolescenti con una diagnosi accertata di disturbo bipolare e 16 bambini e adolescenti sani. Dal confronto delle risonanze magnetiche effettuate, in particolare delle scansioni delle regioni dell'amigdala, i ricercatori sono riusciti ad individuare delle specifiche alterazioni neuroanatomiche che consentono di distinguere con alta specificità e sensibilità i bambini affetti da disturbo bipolare da quelli sani. I risultati di questo studio, oltre a gettare le basi per la futura implementazione di nuovi strumenti diagnostici oggettivi per la diagnosi di disturbo bipolare pediatrico e, potenzialmente, anche dell'adulto, conferma l'ipotesi, emersa da diversi studi precedenti, dell'esistenza di anomalie anatomiche dell'amigdala che potrebbero avere un ruolo fondamentale nella genesi del disturbo.

Fonte: 
Mwangi B, Spiker D, Zunta-Soares GB, Soares JC. Prediction of pediatric bipolar disorder using neuroanatomical signatures of the amygdala. Bipolar Disord 2014: 00: 000–000. © 2014 John Wiley & Sons A/S. Published by John Wiley & Sons Ltd.