Torna a Medicitalia.it oppure fai il LogIn     

Ultimi aggiornamenti da Medicitalia:

Feed RSS Dr.ssa Valeria Randone

torna alle news
 

Parlare di sesso:chiarezza sotto le lenzuola

 Psicologia - News generale del 15/01/2011 - 1851 visite

Nella mia pratica clinica quotidiana, mi capita spesso di assistere a frequenti insoddisfazioni coniugali, dettate da incomprensioni sessuali e, rinforzate da silenzi protratti, misti a malinconia e disillusione .
Il sesso è un argomento molto diffuso, direi quasi abusato, ma quando si parla della propria di sessualità, un velo di mistero associato ad un’estrema difficoltà di comunicazione, viene ad insinuarsi sotto le lenzuola.
Solitamente la donna, ha una capacità ed una facilità maggiore nell’esprimere le proprie emozioni ed i propri desideri, divenendo talvolta audace, talvolta aggressiva, nella comunicazione e nel partecipare i propri desideri erotici.
L’uomo, per cultura, educazione ed identificazione nel ruolo, è solitamente meno verbale e, forse meno attento a certe sfaccettature dell’intimità. Nel tempo, silenzio dopo silenzio, incomprensioni dopo incomprensioni, il desiderio sessuale, se non vivificato e decodificato, tenderà a scemare, a volte fino all’estinzione.
Qual è il giusto atteggiamento mentale, emozionale e verbale, per affrontare questo difficile e spinoso argomento associato alla sfera dell’intimità e della sessualità?
Ottimale sarebbe non cedere nell’ immediata tentazione del terrorismo psicologico e sessuale, dove i partners litigano, si offendono, si squalificano, si ricattano e minacciano abbandoni e tradimenti consolatori.
Le rappresaglie verbali, mosse e nutrite dalla rabbia, dall’odio e dall’insoddisfazione, non aprono affatto la strada alla comunicazione, allo scambio utile e proficuo per una buona e più vibrante  sessualità.
Verbalizzare, con sincerità, empatia , coraggio ed un linguaggio non offensivo, le proprie diversità, i propri desideri, rappresenta un primo proficuo passo verso la chiarezza sotto le lenzuola, evitando di nutrire confusività ed assenza di desiderio sessuale.
 Spesso la paura di non essere riconosciuti, di non essere compresi, di essere considerati differenti dall’oggetto d’amore, blocca ogni forma di comunicazione e di emotività associata alla sfera della sessualità. Una strategia veramente proficua è quella di evitare assolutamente il “ talamo”, per affrontare e risolvere i problemi associati al sesso; non è affatto utile alla coppia adoperare la sessualità, come “ strategia riparatrice e terapeutica”, il talamo infatti funge da amplificatore dei conflitti, sia psichici, sessuali, che emozionali.
Le difficoltà coniugali e sessuali, vanno decodificate ed affrontate fuori dal letto, se dovessero persistere incomprensioni o disguidi orizzontali, ottimale sarebbe chiedere una consulenza sessuologica, per vivificare talami sopiti e sofferenti.
www.valeriarandone.it


Altri articoli di Dr.ssa Valeria Randone:

Commenti alla news:

Aggiungi commento


Clicca qui per accedere con il tuo utente oppure registrati gratuitamente per commentare.

 

L'autore ha scelto le seguenti regole per commentare questa news:
X [commenti NON AMMESSI da parte dei professionisti iscritti]
X [commenti NON AMMESSI da parte degli utenti]


 

Condizioni di utilizzo
MEDICITALIA.it propone contenuti a solo scopo informativo che in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento, sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il medico curante. No al fai da te: affidati sempre al tuo medico di fiducia.

Autori e copyright
Per partecipare a Medicitalia ogni professionista invia la documentazione della propria abilitazione professionale.
Tutti i contenuti scientifici sono forniti dai professionisti iscritti.
E' vietata la riproduzione e la divulgazione, anche parziale, senza autorizzazione scritta.

Dichiarazione di conformità alle linee guida emanate dall'Ordine:
Il sottoscritto Dr.ssa Valeria Randone dichiara che il messaggio informativo contenuto nel presente sito è diramato nel rispetto del Codice Deontologico emanato dall'Ordine degli Psicologi.