Farmaci per l'erezione: sempre meglio!

Dr. Giovanni BerettaData pubblicazione: 13 aprile 2014

 

Al Congresso dell'European Association of Urology, che si sta celebrando in questi giorni a Stoccolma, è stato presentato ufficialmente il nuovo principio attivo contro i disturbi dell’erezione, chiamato Avanafil-Spedra e commercializzato in tutta Europa da una importante casa farmaceutica italiana.

Il nuovo prodotto, disponibile anche in Italia da circa un mese, pur appartenendo sempre alla famiglia degli inibitori delle fosfodiesterasi di tipo V, come tutti i farmaci ora in commercio e che possono essere somministrati per bocca (Sildenafil-Viagra, Tadalafil-Cialis, Vardenafil-Levitra), sembra presentare invece alcune caratteristiche farmacocinetiche molto peculiari: ad esempio agire in modo più rapido (entro 15-30 minuti) ed avere una durata d’azione equilibrata, né troppo breve né troppo lunga (circa 7-8 ore).

 

                                      giovanniberetta_g16781mqi028

Secondo uno studio internazionale, recentemente pubblicato su International Journal of Clinical Practice e condotto su 686 pazienti, ben otto uomini su dieci rispondono in maniera molto soddisfacente all’Avanafil, che sembra essere efficace anche nei disturbi dell’erezione di grado più severo.

Gli uomini con questo problema sessuale, che ricercano una risposta più rapida o non sono in grado di “pianificare” un incontro, possono sicuramente trovare in questo farmaco, se il loro andrologo di fiducia lo indicherà, una risposta sicura ed adeguata.

 

                                      giovanniberetta_images-24

Questo nuovo farmaco sembra essere un passo avanti per arrivare a personalizzare ancora di più una strategia terapeutica mirata e capace a risolvere queste non rare disfunzioni sessuali maschili.

Altra caratteristica positiva del prodotto sembra essere la sua maggiore selettività recettoriale e la sua maggiore tollerabilità che si traduce alla fine in minori effetti collaterali, quali mal di testa, congestioni nasali, dolori muscolari, vampate di calore al viso, e minori interazioni negative con altri medicinali, cibi e bevande alcoliche (birra e vino).

 

                                       giovanniberetta_andropause_3

Infine il farmaco non deve essere “ridosato” in caso di pazienti anziani oppure in presenza di un diabete o di una insufficienza renale lieve.

Altra nota positiva, questa volta commerciale non medica, è il costo che, se confrontato con gli altri farmaci già in commercio, sembra essere decisamente più basso.

Detto questo, ora l’ultima verifica clinica decisiva sarà la reale efficacia e sicurezza del prodotto provata sul campo e su grandi numeri.

Fonte:

http://www.readcube.com/articles/10.1111/ijcp.12065?locale=en

Altre informazioni:

https://www.medicitalia.it/news/andrologia/2202-avanafil-un-nuovo-farmaco-contro-i-deficit-dell-erezione.html

https://www.medicitalia.it/news/andrologia/3580-avanafil-approvato-il-nuovo-farmaco-contro-i-disturbi-dell-erezione.html

 

 

Autore

giovanniberetta
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1977 presso Università di Milano.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Firenze tesserino n° 12069.

4 commenti

#3
Utente 357XXX
Utente 357XXX

gentile dottore quali sono i criteri che inducono uno specialista a scegliere tra questi farmaci? E' possibile che la risposta individuale possa essere diversa indipendentemente dalle esigenze del paziente? Una persona può avere una buona risposta ad uno di questi farmaci e non averne ad un altro? Eppure non hanno lo stesso effetto sull'organismo?
Grazie mille

#4
Dr. Giovanni Beretta
Dr. Giovanni Beretta

Gentile lettore,
i criteri utilizzati sono clinici: legati al problema da risolvere ed anche alla farmacocinetica di questi prodotti.
Se comunque desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-quando-l-erezione-e-difficile-o-non-c-e-che-cosa-fare.html ,

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-nel-trattamento-della-disfunzione-erettile-de.html ,

https://www.medicitalia.it/salute/andrologia/111-disfunzione-erettile.html .

Un cordiale saluto.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Andrologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio