giovanniberetta_problemi-fertilita

 

La valutazione della fertilità maschile include l'analisi standard del liquido seminale; tuttavia, vi è incertezza sul valore dei parametri del liquido seminale nel predire la fertilità/paternità.

Obiettivo dello studio che riporto era quello di valutare l'associazione tra parametri del liquido seminale e paternità durante un lungo follow up.

 

Materiali e metodi

I parametri dello sperma (conta spermatica totale, concentrazione, motilità e morfologia) e l'indice di frammentazione del DNA spermatico (DFI) sono stati valutati su campioni prelevati da 195 uomini norvegesi dalla popolazione generale nel 2001/2002 sono stati confrontati con informazioni sulla paternità fino al 2015, ottenuti dal Registro di nascita medica. I parametri sono stati dicotomizzati come normali rispetto a quelli anormali in base ai valori di riferimento dell'OMS del 1999 e del 2010. Per DFI sono stati utilizzati cut-off al 20% e al 30%.

 

risultati

Tra gli uomini che non avevano bambini prima del 2003, quelli con normale motilità spermatica progressiva erano più spesso diventati padri (WHO 1999, cut-off ≥50%, aggiustato OR 2.8, IC 95% 1.3-6.1 e WHO 2010, cut-off ≥32 %; aOR 4.2, IC 95% 1.1-15). Sulla base del valore di riferimento 1999 dell'OMS, gli uomini con una concentrazione normale di spermatozoi (≥20 × 106 / ml) sono diventati più spesso padri (aOR 3.1, IC 95% 1.1-8.6). Gli uomini con motilità spermatica progressiva ≥ 50% e concentrazione ≥20 × 106 / ml hanno ottenuto più spesso la paternità (aOR 8.4, IC 95% 2.1-34). Per DFI, c'era un significato borderline al limite del 20% nel gruppo di uomini che erano mai stati padri (OR 2,7, IC 95% 1,0-7,0 p <0,05).

 

Discussione

I risultati indicano che la motilità spermatica progressiva, la concentrazione spermatica e il DFI sono associati alla paternità durante un periodo di tempo più lungo, con la motilità degli spermatozoi più consistente. Sebbene la dimensione del campione sia relativamente piccola ei nostri risultati dovrebbero essere replicati in studi più ampi, possono essere di rilevanza clinica.

 

Conclusione

I parametri dello sperma possono avere un valore diagnostico non solo in un breve lasso di tempo, ma anche per prevedere la futura potenzialità della fertilità

 

Conclusioni personali: questo studio che non fa che confermare concetti conosciuti rinforza il messaggio che anche l’uomo deve essere seguito in maniera continuativa dal proprio andrologo da quando abbandona il proprio pediatra

 

https://doi.org/10.1111/andr.12558

 

Logo medicitalia.it