x

x

Diverticolosi e diverticolite del colon: sintomi, trattamento e prevenzione

Dr. Francesco Ferrara Data pubblicazione: 02 agosto 2017

La malattia diverticolare o diverticolosi colica è una condizione caratterizzata dalla presenza di multipli diverticoli a livello della parete del colon. I diverticoli sono sono più comuni sul lato sinistro rispetto lato destro del colon e tipicamente localizzati nel colon sigmoideo. Lo sviluppo dei diverticoli può essere di natura congenita o acquisita. Secondo diversi studi, la diverticolosi congenita sembrerebbe più legata a fattori genetici maggiormente presenti nelle popolazioni orientali. Invece nelle popolazioni occidentali tale patologia sembrerebbe più legata a fattori acquisiti, in particolare alla dieta povera di fibre e ricca di cereali e sostanze raffinate, con problemi di stipsi intercorrenti e sempre più diffusi nella popolazione.

La malattia diverticolare rimane asintomatica fino a quando si sviluppano complicanze. Le potenziali complicanze della malattia diverticolare sono costituite dalla diverticolite e dal sanguinamento.

Durante l’infiammazione acuta, un diverticolo può perforarsi e la perforazione rimanere contenuta negli strati della parete dell’intestino o può essere libera nella cavità addominale. In generale, le perforazioni contenute divengono ascessi intra-addominali, mentre le perforazioni libere portano ad una peritonite diffusa. A seguito di ricorrenti episodi di diverticolite, la parete del colon può assumere un aspetto cicatriziale e determinare una ostruzione del lume intestinale (stenosi). Sebbene il riscontro incidentale di malattia diverticolare generalmente avvenga nei pazienti anziani, la diverticolite si può presentare ad ogni età. Talvolta la diverticolite può anche nascondere o essere l'epifenomeno di un sottostante tumore misconosciuto.

Sintomi

La tipica presentazione della malattia consiste nel dolore localizzato al quadrante addominale inferiore sinistro con febbre con o senza brivido. Tuttavia può anche presentarsi con un dolore addominale generalizzato. In ogni caso nella forma tipica spesso è comune una storia clinica di stipsi cronica. Altri sintomi che possono presentarsi sono: la nausea, il vomito, la distensione addominale e chiusura dell’alvo a gas e feci.

 

Terapia

La maggior parte delle persone affette da una diverticolite acuta rispondono efficacemente alla terapia antibiotica endovenosa, che, associata al digiuno, rappresenta il trattamento di prima scelta della diverticolite non complicata. I pazienti che richiedono il ricorso immediato alla chirurgia in urgenza sono quelli che presentano segni o di peritonite, di ostruzione intestinale o sanguinamento non controllato (diverticolite complicata). In questi casi è molto alta la probabilità di eseguire una resezione intestinale del tratto di colon interessato dalla malattia con il confezionamento anche di una stomia (colostomia o ileostomia) di protezione temporanea. Nei casi di ascesso peridiverticolare può essere indicato il posizionamento di un drenaggio percutaneo per drenare l’ascesso. Nei casi non complicati, passato l’episodio acuto, può essere indicato il trattamento chirurgico resettivo programmato, soprattutto se non si tratta del primo episodio. In questo caso la resezione intestinale nella maggior parte dei casi viene eseguita senza il confezionamento di una stomia, con una migliore qualità di vita per il paziente. Inoltre, soprattutto nei pazienti giovani mai operati prima, la tecnica chirurgica di scelta è quasi sempre la laparoscopia, che consente una più rapida ripresa post-operatoria con miglior impatto cosmetico.

Prevenzione

Il punto cardine nella prevenzione della diverticolite in soggetti con diverticoli noti è rappresentato da una dieta ricca di scorie o fibre. Questa, associata ad un adeguato apporto idrico (almeno 1,5-2 litri di acqua al giorno) è in grado di contrastare le condizioni responsabili della formazione dei diverticoli, attraverso l’accelerazione del transito intestinale e la diluizione dei fenomeni di aumento di pressione all’interno dell’intestino stesso. Se non sufficientemente introdotte con la dieta, le scorie o fibre possono tranquillamente essere aggiunte con integratori comunemente disponibili in commercio.

Autore

fferrara
Dr. Francesco Ferrara Chirurgo generale, Colonproctologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo d'urgenza, Chirurgo oncologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2010 presso Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Trapani tesserino n° 3500.

5 commenti

#4
Utente 492XXX
Utente 492XXX

Buona sera Dottore , sono un uomo di 53 anni è il 19 aprile sono stato operato di diverticolite acuta , con resezione di una parte del sigma , l'intervento è riuscito bene , e orta a due mesi , gia mi sto rimettendo bene , sono contento.
solo una info per cortesia , noto che soprattutto alla sera faccio tanta aria e mi chiedevo se era normale.
la mia alimentazione è normale , non bevo piu' ne vino ne birra , cerco di evitare i fritti , non mangio piu' frutta secca o alimenti con semi e semini ecc ecc...
devo dire però che prediligo di più acqua gasata che naturale , sarà quello?

per altro vado regolarmente in bagno , e non ho altri problemi o sintomi.
mi potrebbe dare una info per cortesia .

grazie infinite.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche diverticolosi 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Chirurgia dell'apparato digerente?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Sai proteggerti dal sole? Partecipa al nostro sondaggio