Mastopessi con autoprotesi

Dr. Ugo Manlio CuomoData pubblicazione: 02 agosto 2013

Il tempo non fa sconti a nessuno complice la forza di gravita'. Parliamo del diffuso problema della ptosi mammaria, così si chiama la discesa verso il basso delle mammelle.

Le gravidanze, la riduzione di peso corporeo sono le cause principali. Tale condizione e' più frequente di quello che sembra, spesso e' ben nascosta ed in qualche modo accettata. Quali sono le soluzioni? La chirurgia rappresenta l'unica soluzione con tecniche diverse a seconda della condizione clinica.

In particolare in presenza di una mammella ptosica ma con una normale rappresentazione ghiandolare e' possibile praticare un sollevamento della mammella rimodellando la ghiandola e riempendo il décolleté. Abbiamo così' creato un' autoprotesi sfruttando il tessuto ghiandolare già' esistente senza dover ricorrere all'impianto di protesi.

Quando invece la mammella oltre ad essere ptosica e' anche ipotrofica tale procedura non potrà' essere sufficiente a raggiungere un volume adeguato.

Autore

ugomanliocuomo
Dr. Ugo Manlio Cuomo Chirurgo d'urgenza, Chirurgo plastico

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1993 presso Università Federico II Napoli.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Caserta tesserino n° 4891.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche seno 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Chirurgia plastica e ricostruttiva?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test

Contenuti correlati