Glistenting delle I.O.L. acriliche: che fare?

Dr. Luigi MarinoData pubblicazione: 16 marzo 2012Ultimo aggiornamento: 19 marzo 2012

Da qualche anno sono disponibili sul mercato delle ottime IOL (lenti intraoculari) acriliche, che offrono grandi vantaggi per i chirurghi oculisti e soprattutto per i pazienti; purtroppo queste IOL sono colpite e da un fenomeno, il GLISTENINGS, ossia la formazione di minuscoli cristalli o bollicine scintillanti.

Recentemente dopo la segnalazione al ministero della salute di un caso sintomatico con deficit visus, abbiamo riscontrato questo strano effetto in numerosi altri pazienti anche se non in maniera suggestiva o da dare problemi.

Questi piccolissimi depositi di tipo opaco affliggono le lenti acriliche da noi utilizzate negli ultimi anni.

Questo fenomeno si verifica perché l’umore acqueo penetra attraverso microscopici fori nel materiale acrilico, e si creano microbollicine o cristalli visibili alla lampada a fessura se non addirittura ad occhio nudo.

I produttori di IOL tendono a tranquillizzare affermando che il glistening non crea difetti o cali del visus. Ma la situazione clinica e le opinioni di diversi medici oculisti (al mondo) è diversa.

Non esiste alcun trattamento di questo fenomeno se non l’ espianto.

Il problema del glistening, a mio parere, è in aumento, anche se l'acuità visiva appare ancora conservata. Se il problema persiste non viene affrontato e risolto dalle Ditte Prodittrici potremmo avere problemi non solo con deficit sulla acuità visiva in molti pazienti.

 

Autore

luigimarino
Dr. Luigi Marino Oculista, Medico legale

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1983 presso Università degli Studi di FIRENZE.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Milano tesserino n° 35175.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Oculistica?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test