Attenzione mamme: non comprate il girello ai vostri figli! troppi rischi e nessun vantaggio

Dr. Lorenzo GiacchettiData pubblicazione: 21 ottobre 2013Ultimo aggiornamento: 05 novembre 2013

Il Canada è il primo paese in cui è stata vietata la vendita del girello! E molto probabilmente verrà seguito piano piano da molti altri. Il goverono canadese non ha piu' permesso nè la vendita nè l'importazione di altri modelli analoghi. La motivazione addetta è rappresentata dagli innumerevoli pericoli legati al suo utilizzo. La decisione è stata molto applaudita anche dalla Associazione dei pediatri Canadesi.

Che cosa è il girello? quell'attrezzo, diffusissimo ahime', che ogni mamma si chiede se comprare o meno al proprio figlio, visto che molti altri l'hanno comprato ed effettivamente sembra un buon mezzo per irrobustire i muscoli delle gambe e favorire la deambulazione piu' precocemente... chi di voi genitori non si è fattpo questa domanda nel primo anno di vita del proprio figlio?

In realtà non c'è niente di piu' sbagliato. La società italiana di Pediatria e dei pediatri di libera scelta ha bandito l'utilizzo del girello e sconsiglia vivamente l'acquisto come si puo' leggere anche su tutti i libretti pediatrici dei nostri bambini.

I girelli sono da molto tempo ritenuti pericolosi per il rischio che il bambino si diriga verso le scale,  perchè permette di di afferrare oggetti pericolosi che altrimenti non sarebbero alla loro portata.

Ma soprattutto il girello che erroneamente viene considerato dai genitori di aiuto a camminare, in realtà spesso non permette di effettuare una fase importantissima che è quella del gattonamento, attraverso la quale il bambino sviluppa tutta una serie di riflessi di cui si avvarrà nella vita adulta.

Il gattonamento che ingenere precede la fase in cui il bambino camminerà deve essere permesso. Il bambino dovrà da solo decidere quando alzarsi ed iniziare a camminare, senza essere forzato nè aiutato nei tempi e nei modi dai genitori o dal girello.

 

Fonte: Canadian pediatric society  http://www.cps.ca/ 

 

 

Autore

lorenzogiacchetti
Dr. Lorenzo Giacchetti Pediatra, Neonatologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 2004 presso Università degli Studi di Napoli.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Varese tesserino n° 7134.

1 commenti

#1
Dr. Rosamaria Bruni
Dr. Rosamaria Bruni

Come neuropsichiatra infantile, vorrei aggiungere a quanto spiegato dal collega di forma chiara, quanto sia importante che il bambino possa accedere di forma autonoma e naturale ai passaggi posturali che non solo sono indicatori di integrazione motoria nonche' fasi successive di apprendimento scolastico.
Un bambino che "salta" le fasi e' un bambino che sta accedendo alla costruzione di uno schema corporeo atipico e pertanto puo riservare "sorprese" nei bamchi dis cuola sopratutto a livello di apprendimento.

Preparero' un articolo sulla integrazione dei riflessi primitivi, prossimamente.
per tutti gli interessati

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche bambini 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Pediatria?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test

Contenuti correlati