Fumo e ritardo neuromotorio nei bambini

Dr. Gaetano PintoData pubblicazione: 14 dicembre 2015

asma e fumoGià da tempo è stato accertato che il fumo passivo fa male allo stesso modo del fumo attivo.

A conferma di questa affermazione, citiamo due recenti studi effettuati su bambini esposti a fumo passivo e le relative conseguenze sul sistema nervoso.

I bambini esposti al fumo passivo hanno presentato alterazioni nelle funzioni neuromotorie, soprattutto per quanto riguarda la coordinazione del movimento degli occhi, il movimento fine degli arti, ma anche alterazione della forza e dell'equilibrio.

Questo studio porta a riflettere quanto sia pericoloso fumare in presenza di bambini ed anche nelle donne in gravidanza.

 

Fonti:

  1. Evlampidou I, Bagkeris M, Vardavas C, Koutra k, Patelarou et al. - J Pediatr 2015; 167(2): 224-5
    Prenatal Second-Hand smoke exposure measured with urine cotinine may reduce gross motor development at 18 months of age - J pediatr 2015;167(2): 246-252
  2. Yeramaneni S,Dietrich KN, Yolton K,Parsons PJ et al.
    Secondhand Tobacco smoke exposure and neuromotor function in rural children - J pediatr2015;167(2):224-5

Autore

gaetanopinto
Dr. Gaetano Pinto Pediatra, Allergologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1984 presso UNIVERSITA' FEDERICO II DI NAPOLI.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Napoli tesserino n° 20601.

1 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche fumo 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Pediatria?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio

Contenuti correlati