Il potere dell'orgasmo. Orgasmo e neuroscienze

Dr.ssa Rita GagliardiData pubblicazione: 06 agosto 2013Ultimo aggiornamento: 17 agosto 2013

Il ricercatore in neuroscienze Barry Komisaruk, Professore presso il dipartimento di Psicologia della Rutgers University (New Jersey), in un'intervista al Times afferma che a livello cerebrale è più efficace l'azione dell'orgasmo piuttosto che l'esercizio mentale.

L'attività sessuale produrrebbe effetti benefici a vantaggio dell'intero organo cerebrale, mentre gli esercizi di intelligenza, ad es. l'applicarsi in parole crociate o l'esecuzione di puzzle, attiverebbero solo zone specifiche e limitate del nostro cervello. Il Prof. Komisaruk è impegnato da molti decenni nello studio della sessualità e di quella femminile in particolare. Ha pubblicato molti libri e articoli scientifici sugli aspetti neurologici e biologici dell'orgasmo.

Negli ultimi esperimenti ha prodotto una mappa dell'attivazione cerebrale durante l'orgasmo servendosi dell'apparecchiatura per la risonanza magnetica e ha in tal modo scannerizzato il cervello. Con l'orgasmo si ha un aumento considerevole del flusso sanguigno al cervello che porta "tutti i nutrienti e l'ossigenazione" all'organo cerebrale.

L'importanza della sessualità non è nessuna novità per le scienze psicologiche. E' di grande importanza, tuttavia, indagare le relazioni tra i vari livelli di funzionamento, quello psicologico, biologico e neurologico. La ricerca in questo ambito ha tanta strada da fare.

Il Prof. Komisaruk ha ad es. trovato, in una ricerca del1988, che la stimolazione sessuale riduce la percezione del dolore. Anche questo fatto è noto da molti decenni agli psicoterapeuti, soprattutto a coloro che hanno specializzazioni e competenze in psicoterapie corporee.Da molto tempo ad es. si praticano tecniche corporee e respiratorie per favorire il rilassamento nel momento del parto o per affrontare il dolore fisico.

Come sostiene Komisaruk il rapporto tra piacere e dolore va ancora approfondito e riveste grande importanza per la soluzione di molte sofferenze psicologiche.

 

 

Per approfondimenti sull'argomento si consiglia:

www.medicitalia.it/valeriarandone/new/3437/Orgasmo-femminile-e-veramente-indispensabile

 

Per approfondimenti sui rapporti tra le scienze sociali, la psicologia e la biologia:

www.medicitalia.it/paoladei/new/3579/etnopsichiatria-neurobiologia

 

 

 

 

Autore

r.gagliardi
Dr.ssa Rita Gagliardi Psicologo, Psicoterapeuta

Laureata in Psicologia nel 1983 presso La Sapienza-Roma.
Iscritta all'Ordine degli Psicologi della Regione Marche tesserino n° 266.

11 commenti

#2
Dr.ssa Rita Gagliardi
Dr.ssa Rita Gagliardi

Grazie. Ottima integrazione: il tuo articolo è perfettamente in tema. Tra l'altro, la ricerca di Barry Komisaruk ha avuto per oggetto l'orgasmo femminile indotto da autostimolazione clidoridea, del cervice e della vagina.

#3
Dr.ssa Paola Dei
Dr.ssa Paola Dei

Mi complimento anch'io per il tuo articolo rilevando in esso spunti molto interessanti anche per quello che concerne le psicoterapie corporee. Giusto al mio esordio sul sito,avvenuto poco tempo fa, ho scritto un articolo dal titolo: Etnopsichiatria Neurobiologia, Tantrismo e nuove frontiere delle scienze: www.medicitalia.it/paoladei/news/3579/etnopsichiatria-neurobiologia-tantrismo-e-nuove-frontiere-delle-scienze, dove ho citato anche noti professionisti che da anni attingono alle saggezze dell'Oriente per ottenere risultati più armonici. Alcuni di loro li ho conosciuti personalmente e posso affermare con esperienza diretta che in loro corpo e mente sono in perfetto equilibrio.
L'Oriente ha sempre tanto da insegnarci ed è stimolante constatare che fra i nostri articoli ci sia una sorta di filo rosso invisibile che dà vita ad una molteplicità di forme.

#4
Dr.ssa Rita Gagliardi
Dr.ssa Rita Gagliardi

Si, sono d'accordo. Anche io sono molto interessata al rapporto tra le diverse aree di indagine e tra i dati che ogni disciplina ci offre. Penso ci sia un potenziale ancora tutto da utilizzare in questa "visione d'insieme". Troppo spesso questa prospettiva ci sfugge e fa chiudere ogni professionista nel proprio piccolo giardino...che senza il contributo degli altri è destinato a diventare presto sfiorito e arido.
Buona giornata

#5
Utente 350XXX
Utente 350XXX

ma questo vale soltanto per un rapporto o anche per autoerotismo, nello specifico mi riferisco alla masturbazione?

#6
Dr.ssa Rita Gagliardi
Dr.ssa Rita Gagliardi

Riguarda l'orgasmo comunque ottenuto, sia nel rapporto che nell'autoerotismo. L'esperimento qui menzionato ha studiato l'orgasmo indotto da autostimolazione.

#7
Utente 350XXX
Utente 350XXX

ah perfetto grazie dottoressa.

#8
Utente 350XXX
Utente 350XXX

Mi permetta dottoressa ma ho trovato un articolo in rete che se non erro fece parte anche di medicitalia.it in cui si afferma attraverso teorie ed esperimenti che l'orgasmo raggiunto tramite masturbazione ma logicamente anche con il sesso è dannoso. Infatti dato che su questo sono informato genera stimolazione di dopamina più altri neurotrasmettitori che si è vero portano benefici ma anche danni alla salute ad una certa quantità matematica. La dopamina infatti a grande quantità è la stessa che viene prodotta con una botta di droga o altri piaceri e questi neurotrasmettitori per ancora non chiari svolgimenti in determinate quantità bombardano i neuroni distruggendoli, io sono uno studente di chimica ma non un medico perciò termino qua e le lascio il link dell'articolo ma mi permetta anche di aggiungere che però dovete spiegarci le cose come stanno perché qua non si capisce più niente,per questo articolo lei vorrebbe salvare l'industria della pornografia. http://www.effedieffe.com/index.php?option=com_content&view=article&id=126310:danni-della-pornografia-sul-cervello&catid=83:free&Itemid=100021

#9
Dr.ssa Rita Gagliardi
Dr.ssa Rita Gagliardi

Gentile lettore, Barry Komisaruk, neurologo della Rutgers University, da più di un trentennio concentra i suoi studi sull'orgasmo dal punto di vista neurobiologico. Ha pubblicato le sue ricerche su riviste scientifiche ed ha presentato i suoi studi ai congressi della Società Americana di Neuroscienze. Qui riporto molto sinteticamente uno dei suoi ultimi studi senza alcun intento di favorire interessi...di qualsivoglia industria.

#10
Utente 350XXX
Utente 350XXX

ok dottoressa però anche la ricerca raccontata dettagliatamente nel link che le ho inviato io è stata descritta non soltanto per via teorica ma anche per via sperimentale da diverse ricerche nella storia, come la cura anche di perversioni attraverso stimolazione tramite elettrodi di dopamina. Come sappiamo in scienza si deve dimostrare anche attraverso la matematica e la fisica le varie teorie biochimiche e anche quell'articolo sembra che le abbia però è anche vero che non vi è presente nessuna fotocopia di questa ricerca, ora io non la sto criticando ma le rispondo perché essendo una persona curiosa ed in più preoccupata per la propria salute voglio capire chi tra lei e l'altra autrice ha ragione, dato che nel campo avete più esperienza tutto qua.

#11
Utente 350XXX
Utente 350XXX

Inoltre in quell'articolo nei commenti vi sono persone preoccupate per la loro dipendenza dalla pornografia e spiegano come farne a meno, ma ho notato che ci sono immischiati anche cattolici e preti e questo logicamente mi fa sorgere dei dubbi, o sono menzogne di vita cristiana oppure in questo caso c'è anche scienza.

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Psicologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.