Ansia stress accumulato, il male del nostro tempo

Dr.ssa Monia FerrettiData pubblicazione: 22 gennaio 2015

L’ansia è uno stato d’animo comune a tutti gli esseri umani, è una reazione istintiva di allarme che il corpo ha quando si trova a fronteggiare una minaccia.

È quindi un meccanismo del tutto normale e funzionale, in quanto ci spinge ad agire e ci rende più efficienti. Tuttavia quando la proviamo in modo continuato percependo una tensione permanente, tale stato diviene patologico.

Ma a quale minaccia dobbiamo far fronte?

  • Le nostre preoccupazioni
  • La costante ricerca di sicurezza e stabilità emotiva
  • Troppi impegni ed occupazioni tra cui districarsi che rischiano di fagocitarci

Quando la nostra esistenza inizia a gire intorno a tutto questo, lo stress e la nostra paura di non riuscire a gestire ciò che per noi è importante si trasforma in ansia.

Come si manifesta l'Ansia

L’ansia si manifesta sotto forma di uno stato di tensione e difficoltà a rilassarsi, ma anche tramite molteplici sintomi fisici: visione vaga, bocca secca, tremori, vertigini, sudorazione eccessiva, nausea, crampi addominali, palpitazioni, aumento della frequenza di minzione.

Oltre ai sintomi fisici numerosi sono anche quelli psicologici: stress, nervosismo, preoccupazione eccessiva per sé e per gli altri, insonnia, voglia di piangere, paure irrazionali.

Ciò che ci porta ogni giorno a provare ansia oltre ad una sensazione di sovraccarico, è affrontare la vita con rigidità, ricercando ossessivamente la sicurezza e la stabilità. Spesso alla base c’è un individuo che nonostante sia anagraficamente un adulto teme di affrontare le situazioni, teme di non farcela e non ha una buona stima di sè e fiducia nelle proprie risorse.

I cambiamenti nel lavoro, nella famiglia, nella vita privata, il timore del giudizio ci mettono a dura prova. Convinzioni errate, pensieri negativi, sentimenti bloccati.

Così viviamo nella paura ed è proprio per questo che oggi l’ansia è uno dei problemi più diffusi.

Tutto ciò diviene fonte di disagio che percepiamo sotto forma di una sensazione di inquietudine, e anche tramite il nostro corpo, perché l’ansia finisce con abitare sia la nostra mente che la nostra fisicità.

Anche se provare ansia non è piacevole, in realtà il suo intento è positivo. Arriva per farci notare che è necessario cambiare qualcosa, che è giunto il momento di apportare delle modifiche nella nostra vita.

Possiamo quindi allearci con essa evitando innanzitutto di scacciarla. Ciò che molti di noi vorrebbero fare desiderando di non percepire tale sensazione spiacevole, o ricorrendo frettolosamente a rimedi che serviranno solo a mascherare momentaneamente il problema ma non a trovare la soluzione.

Cerchiamo di ascoltarla e capire cosa vuole dirci, cosa non sta andando e occorre cambiare, in quanto l’ansia è solo un sintomo ma il problema  vero risiede altrove.

Se ad esempio il mio schema fino ad ora è stato quello di essere sempre accondiscendete e pronta ad ascoltare i bisogni degli altri ma non i miei, l’ansia sopraggiunge per dirmi che è arrivato il momento di cambiare. E abbandonare un modello che non funziona e che anzi provoca difficoltà e sofferenza nella mia vita.

Questo è solo un esempio, possono essere molteplici le situazioni che portano a tale malessere, e andranno rintracciate in modo specifico nella storia dell’individuo.

È importante ricordare che sia le emozioni piacevoli che quelle spiacevoli sono collegate ai nostri bisogni. Quando per la maggior parte del tempo provo emozioni positive, ciò significa che bisogni per me importanti stanno trovando soddisfacimento.

Altrimenti vuol dire che bisogni per me fondamentali continuano ad essere frustrati ogni giorno, e solo cambiando direzione è possibile trovare una soluzione e con essa una maggiore serenità.

Oltre a questo a volte è necessario rivedere le nostre convinzioni che ci portano ad avere una visione ristretta del mondo e delle nostre potenzialità, è importante ascoltarsi e a volte crescere.

Divenire davvero adulti e acquisire maggiore consapevolezza e sicurezza delle nostre possibilità, e che nonostante tutte le difficoltà e i cambiamenti, possediamo le risorse di cui abbiamo bisogno per affrontare la vita.

In questi casi lo psicologo online, può essere utile ad affrontare queste situazioni di disagio.

Autore

ferrettimonia
Dr.ssa Monia Ferretti Psicoterapeuta

Laureata in Psicologia nel 2004 presso Università di Urbino.
Iscritta all'Ordine degli Psicologi della Regione Veneto tesserino n° 8669.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Psicologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Sondaggio su Vaccino anti-Covid (6 mesi dopo) Partecipa