x

x

Ossessioni rasoio occam

Tagliamo le ossessioni con il rasoio... di Occam

Dr. Armando De Vincentiis Data pubblicazione: 23 gennaio 2022

In tutti gli scritti precedenti abbiamo osservato come un'ipotesi ossessiva possa nascere dal nulla e come una semplice idea, seppur riprovevole o spaventosa, venga amplificata nell'inutile tentativo di fronteggiarla o, meglio, di eliminarla.

Nel momento in cui quest’idea prende piede e invade non soltanto i nostri processi cognitivi, ma anche le nostre emozioni, ci trasformiamo in veri e propri filosofi a caccia di soluzioni cognitive, nel tentativo, vano, di venire a capo del “perché” e del “per come” quell'idea si sia impiantata nella nostra mente. Cominciamo a produrre ipotesi su ipotesi riguardo al significato profondo di quest'idea, ci domandiamo quali esperienze abbiano potuto condizionarla e, addirittura, ci spingiamo a ipotizzare traumi di un passato dimenticato che possano avere lasciato qualche segno nella nostra psiche, per poi emergere sotto forma di quel pensiero che ci ossessiona. E, ancora, arriviamo a congetturare che qualche desiderio malefico aleggi nella nostra psiche.

E tutto questo dove ci porta? A dare origine a ulteriori ipotesi, come, ad esempio, quella di essere una persona malvagia o di avere un lato oscuro o, addirittura, qualche forma di disturbo di personalità che non abbiamo mai immaginato di avere.

Abbiamo, a questo punto, costruito una teoria o una serie di teorie contornate da tante ipotesi, molte delle quali non verificabili e, quindi, assolutamente inutili.

In realtà questo processo di teorizzazione ci ha trasformato di certo in filosofi, ma in filosofi maldestri, che non tengono in alcuna considerazione uno dei principi cardine della teorizzazione scientifica, ossia il principio secondo il quale una teoria per essere valida deve essere la più semplice possibile e deve tendere a semplificare un processo piuttosto che renderlo ancora più complesso.

Cos'è il rasoio di Occam?

Una teoria, per essere valida, deve essere economica e per far sì che lo sia deve basarsi su uno dei metodi fondamentali nella costruzione di una ipotesi scientifica, ossia il cosiddetto rasoio di Occam.

Il rasoio di Occam è un processo metodologico che fu formulato nel XIV secolo dal frate e filosofo Guglielmo da Occam il quale affermava che, nella risoluzione di un problema, tra più ipotesi bisogna scegliere sempre quella più semplice.

Tuttavia per “semplice” non si intende “ingenua” (coma la prima che abbiamo a disposizione), ma l’ipotesi che non prevede elementi ulteriori che la complichino. E appunto per semplificare che in termini operativi viene detto: “Inutile fare con più ciò che si può fare con meno” e questo è diventato, poi, uno dei principi fondamentali di una teoria scientifica.

Nel Disturbo ossessivo Compulsivo il lavoro che facciamo come maldestri filosofi ossessivi va in netto contrasto con il rasoio di Occam: piuttosto che semplificare le nostre ipotesi, non facciamo altro che costruirne di più, facendole proliferare inutilmente, in barba ad ogni principio di economia.

Le teorizzazioni ossessive, quindi, sono tanto complesse da allontanarsi da ogni evidenza scientifica. Più facciamo ipotesi sulla nascita di questo pensiero ossessivo, più costruiamo assunti inutili e non verificabili, più ci allontaniamo dalla comprensione del problema!

Se un paziente è spaventato da un'idea saltata in mente all'improvviso, come ad esempio “E se facessi del male a qualcuno?”, comincia a ipotizzare una serie di processi che lo hanno spinto verso quell'idea, tipo: “Sono una persona cattiva” oppure “Ho desideri aggressivi” o ancora “Non amo più le persone”, “Sono pericoloso” e così via. Queste idee, a loro volta, stimoleranno altre ipotesi del tipo “quindi sono pericoloso perché forse ho subito dei traumi, voglio fare del male a qualcuno perché forse ho una psicopatologia non diagnosticata e sono dunque un folle”, e avanti così… Il paziente ha quindi costruito teorie sulla propria personalità e sulla propria esperienza cariche di ipotesi inutili che non lo porteranno da nessuna parte né, tantomeno, lo aiuteranno a comprendere che cosa gli stia davvero succedendo.

Come una teoria scientifica è destinata al fallimento se non rispetta i principi di economia, così anche il proliferare di ipotesi inutili nel tentativo di conoscere il nostro problema ossessivo è destinato al fallimento, se in netto contrasto con il rasoio di Occam, perché abbiamo costruito ipotesi legate alla nostra personalità che a loro volta prevedono altre ipotesi che richiamano altre ipotesi, in una serie infinita di valutazioni prive di alcun fondamento.

Quando, metaforicamente “a colpi di rasoio”, in una teoria scientifica eliminiamo le ipotesi inutili, ecco che otteniamo una semplificazione e rendiamo la teoria più semplice, quindi più applicabile. Se applicassimo questo principio alle nostre dinamiche ossessive, risolveremmo gran parte del problema. Dovremmo infatti eliminare, “a colpi di rasoio” appunto, tutte quelle ipotesi che costruiamo allo scopo di venire a capo del problema, e prendere in considerazione le ipotesi più semplici, affinché le teorie sulla nostra esperienza e sulla nostra personalità siano meno complicate possibili. Ad esempio pensare che alla base del disturbo ossessivo ci sia un trauma dimenticato è un’ipotesi che non solo non ci aiuta, ma che tende a rendere le cose più complicate, e sotto l’aspetto clinico questo si traduce in una maggiore rimuginazione e un aumento della quota di ansia e di angoscia. Anche far riferimento a qualche inconscio desiderio negativo è solo un’inutile complicazione del problema che aggrava solamente il nostro stato ansioso.

Tornando al nostro paziente che immagina di voler fare del male a qualcuno: eliminiamo tutte le ipotesi che ha fatto per poter comprendere il suo problema, eliminiamo, quindi, l'idea inutile di avere una personalità malvagia, eliminiamo l'idea vana e non provabile di aver subito un trauma infantile e prendiamo in considerazione soltanto l'ipotesi più semplice: ha fatto semplicemente un pensiero che tutti fanno e che gli ha solo suscitato paura!

Per approfondire:La trappola delle ossessioni

In questo modo abbasseremo quella quota d'ansia generata dalle sue ipotesi prive di senso. La soluzione proposta per il caso del nostro paziente è, come abbiamo visto, semplice e non prevede altre ipotesi complicate (da un punto di vista clinico la costruzione di ipotesi inutili altro non è che la rimuginazione): il concetto di rimuginazione ossessiva ci avvicina di più alla comprensione del fenomeno.

Così, come storicamente le ipotesi più semplici hanno dato, in ambito scientifico, ma anche nelle indagini investigative, i risultati migliori, anche in psicologia e, soprattutto quando parliamo di rimuginazione ossessiva (ossia quella caccia affannosa alla ricerca del perché con migliaia di ipotesi alla base) applicare il rasoio di Occam a scopi psicoterapici può dare un sollievo cognitivo non solo nel ridurre le ipotesi ossessive, ma anche nella riduzione di quella carica emotiva che impegna l’individuo in questo (ribadiamo ancora una volta inutile) lavoro di ricerca nei meandri della propria psiche e dei propri ricordi.

Valutare le nostre idee ossessive alla stregua di una teoria scientifica, applicando ad esse il principio di economia, può aiutarci a non perderci in un’affannosa ricerca di significati nascosti. Eliminando la ricerca, elimineremo gran parte della vera essenza del Disturbo Ossessivo.

Autore

a.devincentiis
Dr. Armando De Vincentiis Psicologo, Psicoterapeuta

Laureato in Psicologia nel 1996 presso Università La sapienza di Roma .
Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Puglia tesserino n° 1371.

1 commenti

#1
Utente 648XXX
Utente 648XXX

Nn lo so io quando ho studiato tutto sul narcisismo patologico e sul disturbo bipolare e' sparito il Doc;si ripresenta occasionalmente solo quando ho a che fare con gente che ha scoppi di collera improvvisi e scoppi di disperazione o ancora ingressi a effetto;la ricerca del Doc porta ad un altro da Te che ti ha distrutto il mondo interno urlando e strillando contro;le strilla generano confusione nn e' la corteccia pre frontale che si ammala ma e' l'altro che avendo una disregolazione emotiva(Rabbia) ti manda in tilt la percezione di allarme;il disturbo per me nasce da contatto continuativo con personalità del cluster B;una volta compreso si può reagire agli scoppi di rabbia anche senza ossessioni; queste persone tu aggrediscono perché avresti distrutto la loro immagine sociale offrendo una immagine di te stesso pietosa e scoppiando di rabbia ti aggrediscono ti minacciano e beh ti controllano con domande perentorie e reazioni di risentimento;queste persone fanno domande a te e rispondono al posto tuo anticipando la tua risposta e poi tu urlano addosso o ancora si rappresentano aggrediti e poi in prima persona si mettono a parlare di Terzi xhe l'avrebbero aggrediti sempre strillando e urlando per poi far in modo che tu ti metta nei panni suoi esposto alla aggressivita' di tutto il mondo;cosi' si diventa paranoici ma sono questo tipo di persone a generare sofferenza mentale perché costringono le persone a fare identificazione proiettiva patologica;questa gente trasmette dati ma non intende riceverli da Te e se hanno contezza di cosa desideri o pensi o ti piace urlando e strillando e aggredendo credono di poter distruggere il tuo mondo interno usando un meccanismo di sovrasto fino alle tristi conseguenze di affermare con autorevolezza deliri di interpretazione;se il futuro docker non comprende che l'altro puo'mentire ed essere un truffatore perché gioca con xhi ritiene non abbia le conoscenze per poter rispondere, ecco xhe abbiamo il disturbo ossessivo compulsivo ma come reazione a quel modo di comunicare che e' dell'altro;il punto e' comprendere non le origini del Doc ma in reazione a chi si attiva il disturbo e o a cosa.Sono i narcisisti con manie di controllo a generare questa malattia xhe si apprende in famiglia;la famiglia accusa h24 per l'immagine che offri ma non riesce ad accedere al senso di realta;sia chiaro la stessa cosa succede a contatto con gli enti pubblici italiani che a domanda negano cosa comunichi e trasmettono alla parte obblighi e accuse;in sostanza in Italia sanita' e giustizia funzionano un po' allo stesso modo:non siamo noi che siamo corrotti fino al CSM,e' CartaBia che delira, per chiarire come funziona nella famiglia del docker xhe poi e' quello che si chiama victim blaiming e alla lunga escono questi disturbi che sono reattivi.Diventando pro attivi sparisce la patologia ma si ripresenta sempre appena incontri persone con personalità ben precise

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Psicologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Conosci l' endometriosi? Scoprilo con il nostro test

Contenuti correlati