Operazione al varicocele: cosa è giusto sapere?

Dr. Raffaele PrudenzanoData pubblicazione: 28 settembre 2014Ultimo aggiornamento: 14 febbraio 2019

Esistono vari tipi di intervento da quello “classico” con legatura chirurgica a vari livelli della vena spermatica a quello laparoscopico fino a quelli meno invasivi come la scleroterpia anterograda con piccola incisura sovrainquinale fino ad arrivare alla scleroembolizzazione retrograda con tecnica radiologica senza alcun accesso chirurgico battezzata anche dai più “cura del varicocele senza intervento” che oggi è la scelta preferita (ma non la più diffusa) per l’assenza di complicanze documentare e per la sua ridottissima invasività

Esiste un gran fermento sulla rete da parte dei ragazzi “operandi” che leggono con estremo interesse i vari lavori pubblicati sull’argomento in rete.

Riguardo all’ultima tecnica devo precisare che sono rammaricato nel leggere lavori pubblicati in rete non solo di dubbio valore scientifico, ma addirittura, con nozioni false e fuorvianti.

Premesso che esistono linee guida scientificamente condivise riguardo all’indicazione al trattamento (che sia “classico o mininvasivo”) la Medicina Legale recita che:

a parità di risultati bisogna sempre scegliere l’intervento meno invasivo in quanto una eventuale complicanza dello stesso sarebbe ingiustificata se eseguita con la tecnica più invasiva.

A tal riguardo si può leggere attentamente quello che scrive un Esperto Medico Legale sul nostro sito in 

medicitalia.it/minforma/medicina-legale-e-delle-assicurazioni/158/il-consenso-informato-come-spiegare-al-paziente.html

 

Le principali bufale, bufaline e bufalotte in rete riportate sono:

  • ...intervento pericoloso per l’esposizione radiologica;
  • ...rischio di recidive;
  • ...le spirali si mobilizzano;
  • ...intervento estremamente complicato e invasivo;
  • ...i cateteri e le guide danneggiano le cavità cardiache e i vasi (v. cava e v. renale);
  • e così via...

Ho all’attivo più di 500 interventi con scleroembolizzazione retrograda: posso dire la mia?

  1. Nessun pericolo: anche la letteratura mondiale non riporta significative complicanze importanti con esposizione radiologica pari a 5 min di scopia (come un rx addome);
  2. La scleroembolizzazione retrograda si è sviluppata proprio per la cura delle recidive post-chirurgica, guarda un po’!!!!
  3. Le spirali migrano se l’operatore non le sa impiantare o non segue le linee guida sull’impianto delle spirali in platino;
  4. Intervento estremamente complicato e invasivo... per chi non lo sa eseguire, aggiungo!
  5. I cateteri e le guide danneggiano le cavità cardiache e i vasi (v. cava e v. renale)... sic! ho letto anche questo e qui non aggiungo commenti!!!

 

Cosa è giusto sapere invece:

  1. Bisogna riferire eventuali allergie al mezzo di contrasto iodato;
  2. Nel 7% dei casi non è possibile eseguire la scleroembolizzazione retrograda per varianti anatomiche;
  3. E’ possibile eseguire la scleroembolizzazione retrograda anche per via brachiale;
  4. Scleroembolizzazione retrograda così come pure l’intervento classico non garantisce la ripresa della fertilità (è solo un aiuto);
  5. E’ eventualmente possibile eseguire la scleroembolizzazione retrograda anche in regime ambulatoriale ma a certe condizioni di sicurezza.

 

Ecco una selezione di articoli, blog, consulti ecc.:

ecco invece i Centri Qualificati in Italia dove operarsi con tecnica mininvasiva

  

In “bocca al lupo” a tutti i ragazzi operandi!
Ah… dimenticavo la cosa più importante: leggere attentamente il consenso informato e firmarlo solo dopo averlo letto e compreso.

 

Autore

raffaeleprudenzano
Dr. Raffaele Prudenzano Radiologo interventista, Radiologo, Angiologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1992 presso Univesità di Perugia.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Lecce tesserino n° 5515.

9 commenti

#2
Utente 377XXX
Utente 377XXX

Buona sera a tutti vi chiedo aiuto io ho 26 anni e circa un anno io e la mia ragazza proviamo ad avere figli premetto ho un varicocele di 2 grado sx e nello spermiogramma sono usciti questo risultati 1.5 ml viscosità aumentata numero spermatozoii 55 milioni concentrazioni 35 milioni forme normali 85 % motilita a 12 b 10 c 8 d 4 secondo voi mi devo operare o devo andare avanti mi sposo tra un anno . E ogni tanto mi fa un po male sul lato del varicocele grazie attendo risposta con molta ansia grazie
en

#3
Utente 377XXX
Utente 377XXX

Buona sera dottore ho il varicocele di 2 grado e un anno che faccio sesso non protetto con la mia ragazza x avere un figlio ma niente mi hanno dato una cura essendo che erano solo poco mobili e x 4 mesi mi sono curato con le prenius x quanto riguarda lo spermiogramma eh aspetto bianco torbido ml 1.5 contanemaspermi 55 milioni di concentrazione 35 milioni forme tipiche 87 % forme immaturi 5% e forme atipiche 8 % la motilita a 15 b 12 c 8 d4 che ne dite vado avanti con la cura o mi opero ? Ne basta uno e sono un anno puo essere mai che non e andata grazie attendo una risposta grazie

#4
Utente 403XXX
Utente 403XXX

Salve, volevo sapere se esistono motivi per cui non si può effettuare una scleroembolizzazione retrograda oltre alle varianti anatomiche.

#5
Dr. Raffaele Prudenzano
Dr. Raffaele Prudenzano

Una controindicazione potrebbe essere una allergia accertata ai mezzi di contrasto iodati altre non ce ne sono.

#6
Utente 406XXX
Utente 406XXX

Ho letto questo : "complicanze gravi come l'atrofia del testicolo sono descritte raramente in letteratura dopo qualsiasi tipo di trattamento, sono un evento eccezionale e non si sono mai verificate nella nostra esperienza". Non si sono mai verificate, però hanno sentito il bisogno di scriverlo. Perché?

#7
Utente 406XXX
Utente 406XXX

PS: mi riferisco dopo l intervento di scleroembolizzazione

#8
Utente 463XXX
Utente 463XXX

Salve Dottore le volevo chiedere se dopo un intervento con legatura ivanissevich si puo' procedere con la scleroembolizzazione
Ho un dubbio perche' la settimana scorsa ho fatto la scleroembolizzazione credo inutilmente perche' alla fine il cateterino non e' passato dato che c'era questa legatura fatta nel 2000.
Mi potrebbe dare una risposta in merito? Grazie della cortese attenzione!

#9
Utente 548XXX
Utente 548XXX

Buonasera,desideravo sapere il tempo necessario alla ripresa dell'attività sessuale a seguito di tale procedura. Grazie in anticipo

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche varicocele 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Radiologia interventistica?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test

Contenuti correlati