La circoncisione nella prevenzione del Carcinoma alla prostata

Dr. Gino Alessandro ScaleseData pubblicazione: 25 marzo 2012

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa

La circoncisione eseguita prima dell’inizio della attività sessuale sembra essere associata ad una riduzione pari al 15% del rischio di sviluppare il cancro alla prostata confrontato con una popolazione di non circoncisi o di uomini circoncisi dopo l’inizio della attività sessuale.
 
Come già più volte ipotizzato come causa scatenante si pensa ad una iniziale processo  infiammatorio della prostata che nelle fasi successive può evolvere nello sviluppo del cancro a livello di tale ghiandola. L’infiammazione può essere a sua volta causata da malattie sessualmente trasmesse. Infatti in alcuni pazienti sono stati rilevati nella prostata germi quali: Neisseria gonorrhoeae, Chlamydia trachomatis, trichomonas vaginalis, treponema pallidum, papillomavirus umano (HPV), virus dell'herpes simplex che potrebbero agire attraverso alterazioni genetiche della RNASEL (ribonucleasi L 2-5 oligoisoadenilato-sintetasi-dipendente).

In teoria dovrebbe essere lo stesso meccanismo d’azione legato alle infezioni da HPV nel determinismo del cancro alla cervice uterina nelle donne.
Questo studio conferma inoltre che gli uomini circoncisi hanno un rischio inferiore di contrarre malattie sessualmente trasmissibili fra cui anche quelle relative all’HIV.
Come dati contrastanti si è sottolineato che la prevalenza di cancro alla prostata e delle malattie sessualmente trasmissibili è simile negli Stati Uniti (dove la circoncisione è comune) ed in Europa occidentale (dove invece non lo è) subentrando quindi variabili ambientali, geografiche, razziali, relative alle abitudini sessuali ecc.


Conclusioni

Anche se le ipotesi e le conclusioni di questo studio sono interessanti ad oggi considerato che non esistono ancora sicure evidenze non è possibile consigliare l’esecuzione della circoncisione a tutti i ragazzi prima dell’inizio dell’attività sessuale, almeno sino a che tali dati non siano ampiamente confermati.

Sorgente

Wright, J. L., Lin, D. W. and Stanford, J. L. (2012), Circumcision and the risk of prostate cancer. Cancer. doi: 10.1002/cncr.26653Department of Urology. Division of Public Health Sciences, Fred Hutchinson Cancer Research Center. Department of Epidemiology, School of Public Health, University of Washington, Seattle. Health Sciences Building, 1959 NE Pacific, BB-1115, Box 356510, Seattle, WA 98195

Autore

ginoalessandroscalese
Dr. Gino Alessandro Scalese Urologo, Andrologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1997 presso Università degli Studi di Bari.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Bari tesserino n° 11376.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Urologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.