Impiego dei marker tumorali sierici in maschi adulti con tumore testicolare a cellule germinali

Dr. Andrea MilitelloData pubblicazione: 18 novembre 2012

Nel management di pazienti con tumore del testicolo l uso dei marcatori ematochimici classici (AFP, Hcg, LDH) è unanimamente diffuso, ma sembra che talvolta non siano seguite regole precise.

pelvi maschile

Ho estrapolato dall'articolo riportato in bibliografia dei messaggi che reputo importanti.

1) Il seminoma non produce AFP e quindi elevati livelli sierici di questo marker ne escludono la diagnosi.

2) Livelli elevati di hCG e LDH si possono rilevare in qualsiasi forma tumorale germinale.

3) I marker non devono essere usati per screenare giovani asintomatici perché non c è evedenza dll utilità.

4) In ogni paziente con sospetto clinico di tumore testicolare, i marker devono essere dosati prima dell intervento per facilitare la diagnosi definitiva e per facilitare l interpretazione dei valori post operatori degli stessi.

5) I marker non devono al contrario essere utilizzati per decidere o meno se operare il paziente con sospsetto tumore testicolare.

6) In tutti i pazienti con diagnosi finale istologica di tumore germinale del testicolo, i marker devono essere dosati nell immediato post operatorio e prima di ogni eventuale trattamento successivo.

7) In particolare i markers devono essere dosati prima dell inizio della chemioterapia in pazienti con lesioni metastatiche o retro peritoneali.

8) AFP e hCG devono essere misurate prima di una linfectomia retro peritoneale in pazienti con no seminoma in stadio clinico I o II. I pazienti con marcatori elevati o comunque sempre in aumento sono per definizione oltre gli stadi 1a e 1b e necessitano di terapia sistemica.

9) Nei pazienti con tumore non seminomatoso, al termine presunto dell’iter terapeutico i marcatori vanno misurati ogni due mesi il primo anno, ogni quattro mesi il secondo anno, ogni sei mesi il terzo anno e poi annualmente.

10) Nei pazienti con seminoma puro, al termine del loro iter terapeutico, i marker non hanno alcun ruolo.

 


 

Per approfondire: TD Gilligan et al., J Clin Oncol,2010;28:3888-3404

Autore

andrea.militello
Dr. Andrea Militello Urologo, Andrologo, Sessuologo, Patologo della riproduzione

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Università La Sapienza di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 43740.

1 commenti

#1
Utente 519XXX
Utente 519XXX

Gentile Dr Militello, ho letto il suo articolo inerente al dosaggio dei markers tumorali per la neoplasia testicolare. La domanda che vorrei farle è questa. In caso di lesione nodulare ipoecogena vascolarizzata con diagnosi di tumore al testicolo, avere markers tumorali sopracitati (alfa feto, Bhcg, LDH) a livello di normalità, da qualche informazione sul tipo di lesione e indica anche la sua estensione? Grazie

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Vuoi ricevere aggiornamenti in Urologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test