Batteri sempre più resistenti alle terapie antibiotiche

Dr. Andrea MilitelloData pubblicazione: 14 settembre 2018

 

 

Le infezioni del tratto urinario sono tra le più comuni malattie infettive nell'uomo. Oggi, la resistenza a quasi tutte le classi antimicrobiche è in netta crescita e gli agenti patogeni resistenti ai farmaci o addirittura pan-resistenti sono sempre più isolati in tutto il mondo. È previsto che nei prossimi decenni il mondo affronterà una grave emergenza medica generata dalla rapida diffusione di agenti patogeni che trasportano determinanti di resistenza di potenza senza precedenti. Enterobacteriaceae produttrici di carbapenemasi, Enterococchi multiresistenti e determinanti della resistenza ai fluorochinoloni in uropatogeni Gram-negativi e Gram-positivi sono tra le più grandi emergenze.

Nell’articolo riportato in bibliografia vengono esaminate le principali minacce emergenti di particolare interesse per gli urologi, vengono illustrate le tendenze della resistenza in tutto il mondo e vengono riepilogati i farmaci raccomandati nuovi e meno recenti, ma ancora attivi.

 

https://doi.org/10.4081/aiua.2018.2.85

Autore

andrea.militello
Dr. Andrea Militello Urologo, Andrologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo

Laureato in Medicina e Chirurgia nel 1991 presso Università La Sapienza di Roma.
Iscritto all'Ordine dei Medici di Roma tesserino n° 43740.

0 commenti

Commenti degli utenti: aperti!
Commenti dei professionisti: aperti!

Per aggiungere il tuo commento esegui il login

Non hai un account? Registrati ora gratuitamente!

Guarda anche infezioni 

Vuoi ricevere aggiornamenti in Urologia?

Inserisci nome, email e iscriviti:

* Autorizzo il trattamento dei miei dati da parte di Medicitalia s.r.l. per finalità di marketing telefonico e/o a mezzo posta elettronica o ordinaria, compresi l'invio di materiale pubblicitario, la vendita diretta e lo svolgimento di indagini di mercato.

Cliccando su iscriviti acconsento al trattamento dei dati personali come da privacy policy del sito.

Ansia: sai riconoscerla? Scoprilo con il nostro test

Contenuti correlati