Intolleranze alimentari

Nel 2017 ho effettuato esame del sangue per rilevare intolleranze alimentari.
Sono risultata intollerante a diversi alimentari.
Essendo passati tre anni è il caso di ripetere gli esami?
Perché ho ancora gli stessi disturbi mangiando questi alimenti, ma non vorrei che se ne fossero aggiunti degli altri.
Sto per sottopormi a PMA e vorrei stare tranquilla.
Grazie.
[#1]
Dr. Claudio Bosoni Allergologo, Medico di base 2,6k 141
Non è il caso di ripetere gli esami fatti perchè, darebbero gli stessi risultati. Se uno è allergico a certi cibi, rimane allergico per sempre. Lei, sapendo già di essere allergica a certi cibi, non capisco perchè ha continuato a mangiarli. In allergologia non esistono vaccini per le allergie alimentari. Si va per esclusione dalla propria dieta, di quelli allergizzanti. E non c'è altro da fare, ma se poi, nonostante le esclusioni i disturbi non migliorano, vuol dire che c'è qualcosa di nuovo. Allora dopo che saranno passati almeno 20 gg. di sospensione degli alimenti potrà fare le prove allergiche. E le vedremo.

Dr. Claudio Bosoni

[#2]
dopo
Utente
Utente
Non ho continuato a mangiarli, mi era stato detto di reinserirli piano piano dopo un determinato periodo di sospensione. Nonostante questo periodo però mi danno ancora dei disturbi. Il mio pensiero era sul fatto che potessero essersene aggiunti altri, cioè se può capitare che se ne aggiungano altri passando gli anni.
[#3]
Dr. Claudio Bosoni Allergologo, Medico di base 2,6k 141
Già glielo detto di eliminare gli alimenti allergizzanti. Al Policlinico dell' Università di Milano, dove io lavoravo. Facevamo sospendere tutti i cibi potenzialmente allergizzanti fino a aver un risultato in cui non c'erano più sintomi. Poi aggiungevamo ogni 10 giorni uno dei cibi incriminati. Inserendo nella dieta uno a uno questi alimenti ogni 10 giorni, si vedeva in quei 10 gg. se compariva l' allergia:
gli alimenti che provocavano la reazione allergica, doveva eliminarli come del resto doveva tenere quelli che non davano reazioni. Si formavano così 2 gruppi di alimenti, uno allergizzanti e uno no.
Abolendo completamente quelli incriminati dalla sua dieta. Se tutto passava, entro 10 gg molto bene, altrimenti doveva fare ulteriori test allergologici, perchè probabilmente si era in presenza di nuovi allergeni allergizzanti. Comunque ne avevamo già scartati una certa quantità.

Dr. Claudio Bosoni

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio