Spermiogrammi - astenozoospermia e teratozoospermi

Egr. dottori,
dopo un anno e mezzo di ricerca infruttuosa di un figlio, mia moglie (34 anni) ed io (40 anni) ci siamo rivolti ad un centro per l'infertilità.
Dalle analisi effettuate sono stati rilevati "esclusivamente" dei problemi concernenti la qualità dello sperma e siamo stati comunque indirizzati verso l'inseminazione in vitro.
Vorrei avere un'opinione circa le mie possibilità riproduttive senza il ricorso all'inseminazione artificiale dal momento che, presso il centro per l'infertilità, abbiamo incontrato soltanto competenti ginecologi ma mai un andrologo.
Inoltro, pertanto, l'esito dei due spermiogrammi da me effettuati presso due differenti centri per la riproduzione (i cui esiti sono anche un po' differenti l'uno dall'altro) ripromettendomi di fissare quanto prima un appuntamento con un andrologo.
Ringrazio anticipatamente i dottori che vorranno darmi una loro opinione.

1° SPERMIOGRAMMA

PARAMETRI FISICI/CHIMICI
Durata astinenza: 5 gg
Volume: 2,2 ml
Viscosità: Normale
Ph: 7,8
Liquefazione dopo 30 min.: completa
Colore: Avorio opalescente
Concentrazione spermatozoi: 55 mil/ml
Numero totale spermatozoi: 121,00
Numero cellule rotonde: 1,0 mil/ml
Cellue della spermatogenesi %: 100
Leucociti %: 0
Agglutinazioni: assenti
Motilità %: a) progressiva attiva 0,0
b) progressiva non attiva 60,0
c) in situ 22,0
d) immobili 18,0
Morfologia %: forme normali 6,0
anomalie della testa 80,0
anomalie del collo 5,0
anomalie della coda 9,0
Ricerca anticorpi Anti Spermatozoo: Mar test IgG negativo
Mar test IgA negativo

TEST DI CAPACITAZIONE
Gradiente discontinuo completo: diretto
N° spt post capacitazione: 50 mil/tot
Motilità %: a) progressiva attiva 50,0
b) progressiva non attiva 50,0
c) in situ 0,0
d) immobili 0,0

CONCUSIONI
Teratozoospermia media

_____________________________________________________

2° SPERMIOGRAMMA CON ANALISI CITOMETRICA DNA

PARAMETRI FISICI/CHIMICI
Durata astinenza: 3 gg
Volume: 4 ml
Coaguli: presenti
Viscosità: normale
Ph: 8
Liquefazione dopo 30 min.: completa
Colore: grigiastro
Lunghezza filamento: 0 cm
Numero spermatozoi: 27,8 mil/ml
Numero spermatozoi nell'eiaculato: 111,2 mil/eiac.
Numero cellule rotonde: 0,01 mil/ml
Cellule rotonde/spermatozoi %: 0,04
Spermatogoni: assenti
Spermatociti: presenti
Spermatidi: assenti
Leucociti: 786 migliaia/ml
Vitalità %: 51

MOTILITA' DELLO SPERMA
Progressiva rettilinea a 60 min. %: 0
Progressiva non rettilinea a 60 min. %: 10
Motilità rettilinea totale a 60 min. %: 10
In situ a 60 min. %: 24
Immobili a 60 min. %: 66
Mobilità totale a 60 min. %: 34
Progressiva rettilinea a 120 min. %: 0
Progressiva non rettilinea a 120 min. %: 8
In situ a 120 min. %: 16
Immobili a 120 min. %: 76
Mobilità totale a 120 min. %: 24

MORFOLOGIA SPERMATOZOI
Anomalie della testa: a) forma allungata % 16
b) forma piriforme % 0
c) macrocefalo % 0
d) microcefalo % 0
e) forma duplicata % 0
f) forma irregolare % 20
g) acefali % 6
h) senza acrosoma % 22
Anomalie del pezzo intermedio: a) appendici citoplasmatice % 14
b) angolazioni % 0
Anomalie della coda %: 0
Morfologia spermatozoi: a) forme normali % 22
b) forme patologiche % 78

CONCUSIONI
Astenozoospermia e Teratozoospermia
[#1]
Dr. Antonio Giambersio Andrologo, Endocrinologo 816 21
Gentile Utente,
la sua decisione di fissare un appuntamento con un andrologo è
senza dubbio corretta. Poichè il numero di spermatozoi è normale
in entrambi gli esami da Lei eseguiti, non si può escludere
che una volta migliorata la motilità degli spermatozoi Lei possa
avere una gravidanza senza ricorrere a tecniche "in vitro".
La visita andrologica servirà infatti,per individuare le eventuali cause responsabili della riduzione della motilità degli
spermatozoi (astenozoospermia) e della percentuale di forme
morfologicamnete non corrette (teratozoospermia).
Cordiali saluti

Dr. A. GIAMBERSIO
www.ambulatoriodiandrologia.it

[#2]
Dr. Renzo Benaglia Andrologo 665 2
Gentile Utente,
sono perfettamente daccordo con il collega Giambersio.

Cordiali saluti

x

[#3]
Dr. Giuseppe Benedetto Urologo, Andrologo 2,7k 16
sono daccordo anch'io
saluti

dr Giuseppe Benedetto
www.giuseppebenedetto.netfirms.com

[#4]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Caro lettore,
anch'io sono sostanzialmente daccordo con il collega Giambersio. Voglio solo fare una osservazione "negativa",di tipo generale: come è possibile che un Centro che si occupa di infertilità di coppia non abbia, tra le proprie figure di riferimento, un andrologo? Quando un uomo presenta delle alterazioni del liquido seminale , prima di iniziare a pensare ad una tecnica di riproduzione assistita , deve sempre esserci prima una attenta valutazione andrologica.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta.

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#5]
Dr. Daniele Masala Urologo, Andrologo 2,3k 52
Ritengo corretta la consultazione di un collega andrologo nella sua zona.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.

Cordiali saluti,
dott. Daniele Masala.
Dirigente Medico Urologo UOC Urologia Pozzuoli
Perfezionato in Andrologia

[#6]
Prof. Giovanni Martino Andrologo, Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente 4,3k 23
Gentile Utente,
gli esami del liquido seminale che propone in visione non sono di certo incoraggianti ai fini di una procreazione per via naturale. In particolar modo il primo. Al di là di "dove" farlo, di certo un controllo specialistico Andrologico risulta indispensabile per chiarire le cause della sua dispermia e decidere le eventuali terapie. Si faccia consigliare dal Suo centro di riferimento. Ciò nonostante, credo che l'indicazione al ricorso ad una tecnica di procreazione assistita sia realistica, corretta e condivisibile. Tutto dipemde dal grado di priorità che la ricerca di una gravidanza assume nel Suo rapporto di coppia.
Auguri affettuosi per tutto ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO

Prof. Giovanni MARTINO
giovanni.martino@uniroma1.it

[#7]
Dr. Diego Pozza Andrologo, Endocrinologo, Chirurgo generale, Oncologo, Urologo 14,5k 420 2
Caro lettore,

perchè non consultate il centro di Andrologia dell'ospedale San Paolo diretto dal Prof. Colpi ( valente specialista del settore)?
cari saluti

Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#8]
Prof. Giovanni Martino Andrologo, Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente 4,3k 23
Gentile Utente,
in assenza di punti di riferimento indicateLe dal Suo Centro, l'idea di consultare gli ambulatori di una Struttura Pubblica Universitaria od Ospedaliera mi sembra ottima.
Affettuosi saluti ed auguri per tutto.
Prof. Giovanni MARTINO

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio