Pene curvo 40 gradi con concavita dorsale

Salve a tutti, vorrei innanzitutto ringraziare voi medici tutti per il servizio che offrite, perchè di notevole importanza e utilità. Con i vostri consulti sapete tranquillizzarci alleviando non pochi cattivi pensieri e allo stesso tempo anche indirizzarci verso una soluzione valida.
Passo a problema.
Come avrete letto dal titolo il mio pene è curvo con un angolo di circa 40 gradi e concavità dorsale (solo verso l’alto). Premetto che eccetto una circoncisione effettuata all'età di circa 7-8 anni (non ricordo bene) il mio pene non ha mai subito traumi di alcuna forma e da quanto ricordo questa curvatura ha sempre accompagnato il mio sviluppo. Aggiungo inoltre che non provo dolore quando sono in erezione, mi trovo solo un po’ impacciato durante alcune posizioni nel rapporto sessuale. Non so se la partner prova dolore a causa della forma del mio pene, perchè non ho mai chiesto e attualmente ne sono sprovvisto, ma mi son proposto di farlo in futuro.
Vi scrivo per 2 motivi: il primo è chiedervi se vi sono soluzioni che non includano l'operazione per portare l’asse a zero gradi in curvature congenite come la mia (ho letto di iniezioni o pillole di vitamina E se non erro che e possibile assumere per via orale) o se è possibile eseguire qualche forma di "esercizio giornaliero" per raddrizzarlo nel tempo; in secondo luogo vi chiedo che iter devo seguire per una visita e se è possibile farlo in un ente pubblico come un ospedale. Sono di Bari, ho sempre goduto di buona salute e la cosa mi ha portato a non essere pratico del sistema sanitario, non so nemmeno se esiste un reparto di andrologia qui da noi. Inoltre essendo uno studente universitario-disoccupato mi si pone anche un problema di tipo economico: non ho idea dei costi e non so se posso permettermi un privato. Non so se posso domandarlo qui sul forum, ma quali sono i costi delle cure ad esempio, pillole o iniezioni che siano, e quanto costa una visita da un privato mediamente. Spero che le mie domande non abbiano violato alcuna regola o infastidito qualcuno di voi.
Vi ringrazio anticipatamente per le vostre risposte.
Cordiali saluti.
[#1]
Dr. Diego Pozza Andrologo, Endocrinologo, Chirurgo generale, Oncologo, Urologo 14,5k 420 2
caro lettore 38118,

molte curvature dell'asta sono di natura congenita e non legate a meccanismi o traumi.
Se tale curvatura crea problemi estetici o funzionali ( difficile penetrazione) allora bisognerebbe provvedere alla sua correzione.
Non esistono creme, pillole, strumenti o manove cxapaci di tanto.
Solo la chirurgia, semplice, che va applicata dopo una accurata valutazione di uno specialista
A Bari, alla Clinica Urologica dell'Università,esiste un buon servizio di Andrologia, diretto dal Dottor Carlo Bettocchi.
Cari saluti

Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#2]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Gentile lettore,
mi associo alle considerazioni già fatte dal collega Pozza. Se posso aggiungere un altro consiglio , prima di consultare un andrologo, potrebbe essere utile avere delle foto, attraverso una macchina digitale o tipo Polaroid, del suo pene in erezione da varie angolazioni e proiezioni. Questo aiuta molto lo specialista a dare un parere completo e corretto della situazione anatomica valutata.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#3]
Dr. Giuseppe Quarto Urologo, Andrologo 7k 172 12
caro utente, concordo con i colleghi

Dott. Giuseppe Quarto. Urologo andrologo
rep urologia Ist. tumori Napoli fond Pascale
www.andrologo-urologo.com

[#4]
dopo
Utente
Utente
Vi ringrazio per le vostre risposte che sono state chiare e rapide allo stesso tempo.

Considerando che la mia situazione non mi pare particolarmente grave e che in ogni caso per una corretta valutazione è necessaria una visita da un andrologo, vorrei sapere: questi interventi al pene sono per la maggior parte di tipo semplice oppure portano tutti ad effetti collaterali?

In fine vi sottopongo un’ultima e banale domanda se mi è concesso: come posso prenotare una visita presso la Clinica Urologica dell'Università, a chi mi devo rivolgere e ho da pagare qualcosa, molto cioè. Scusatemi se insisto su questo ultimo punto ma come vi ho gia detto "fortunatamente" non sono pratico del sistema sanitario e mi ritrovo da solo in questa situazione.

Saluti
[#5]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Caro lettore ,
generalmente ci si deve rivolgere al proprio medico curante chiedere, come in tutti gli altri casi una valutazione urologica-andrologica poi andare alla struttura indicata , prendere un appuntamento , pagare il ticket e quindi accedere al servizio scelto.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
[#6]
Dr. Giuseppe Benedetto Urologo, Andrologo 2,7k 16
basta l'impegnativa del curante e prenotare una visita andrologica al CUP del policlinico di Bari.
l'ambulatorio di andrologia è settimanale

dr Giuseppe Benedetto
www.giuseppebenedetto.netfirms.com

[#7]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Gentile lettore ,
le ricord ancora ,prima di consultare l'urologo o l'andrologo, le foto fatte con una macchina digitale o tipo Polaroid del suo pene in erezione . Questo aiuterà molto lo specialista a dare un parere completo e corretto sulla sua situazione anatomica .
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#8]
dopo
Utente
Utente
Cari Medici,
non so come ringraziarvi. I vostri consigli e le vostre indicazioni sono state molto utili e le seguirò passo per passo. Adesso mi sento decisamente più sicuro.
Mi rivolgero al mio medico curante premunito di foto, vedò cosa avrà da dirmi per poi eventualmente prenotare una visita dall'urologo al CUP di bari, con la consapevolezza che potrebbe essere necessario anche un semplice intervento chirurgico.
Spero solo che il mio amico la sotto non se la prenda.
Non ho piu altre domande da porvi e son sicuro che la situazione si risolverà nel migliore dei modi.
Un saluto a tutti voi.
Buona giornata e buon lavoro.
[#9]
Prof. Giovanni Martino Andrologo, Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente 4,3k 23
Gentile Utente,
concordo pienamente con quanto espresso correttamente nella Sua risposta dal Collega BENEDETTO.
Affettuosi auguri per tutto ed un cordialissimo saluto
Prof. Giovanni MARTINO

Prof. Giovanni MARTINO
giovanni.martino@uniroma1.it

[#10]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,7k 1,2k 1k
Caro lettore,
coraggio! Sicuramente l'urologo o l'andrologo che consulterà, valutata la sua situazione anatomica , le darà i consigli terapeutici più mirati.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
[#11]
Prof. Giovanni Martino Andrologo, Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente 4,3k 23
Gentile Utente,
non è detto che il Suo amico "del piano di sotto" abbia per forza bisogno di un intervento chirurgico...ne parli con serenità, disponibilità e fiducia con il Collega che La visiterà. Si tratta di fare un bilancio fra i "pro" ed i "contro" di un trattamento chirurgico. Le assicuro che questi ultimi non sono di portata trascurabile.
Mi tenga informato, ci terrei personalmente.
Ancora auguri per tutto, affettuosi.
Prof. Giovanni MARTINO
[#12]
Dr. Domenico Battaglia Andrologo, Urologo 259
concordo con i colleghi che mi hanno preceduto

Dr. D. Battaglia

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio